Menù

Corpus Domini, la denuncia contro gli abusivi della Fipe Confcommercio

Corpus Domini, la denuncia contro gli abusivi della Fipe Confcommercio

“Se le regole ci sono, vanno rispettate dai commercianti e vanno fatte rispettare dalle autorità preposte”.

Il presidente della Fipe di Campobasso Roberto Ferraris è particolarmente chiaro circa la posizione dell’associazione di categoria che ha registrato molte irregolarità nei tre giorni di festa legati al Corpus Domini.

“Le norme sulla prevenzione dell’abusivismo, sulle autorizzazioni, sulla manipolazione degli alimenti, sono state disattese, come già avvenuto in passato. I commercianti che ogni anno fanno sforzi enormi per mettersi in regola si sono visti ancora una volta sottoposti alla concorrenza sleale di chi non rispetta le leggi”, ha rilevato.

Di qui la richiesta di una più attenta e mirata programmazione per il futuro.

“Quest’anno è andata così, ormai non c’è più nulla da fare. Ma la speranza è che quanto si è verificato serva da lezione per le prossime manifestazioni che sono in calendario nel capoluogo e che prevedono la presenza di bancarelle e venditori ambulanti. La Guardia di Finanza, i Vigili, l’Asl e tutto il sistema delle autorità preposte devono essere attivati affinché chi è in regola non si trovi in difficoltà rispetto a chi non lo è. La crisi è già forte, i pubblici esercenti sono allo stremo delle forze, non possiamo permetterci di sobbarcarci le conseguenze dei mancati controlli, insieme all’onere di dovere essere noi a rilevare ciò che va e ciò che non va”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.