Menù

Isernia C5, è Cataneo il nuovo allenatore

Isernia C5, è Cataneo il nuovo allenatore

La notizia circolava già da tempo nell’ambiente del futsal molisano, ma ieri ha assunto i contorni dell’ufficialità: Domenico Cataneo è l’allenatore dell’Isernia calcio a 5. Ha sposato in pieno il progetto e guiderà la  squadra biancoceleste nella prossima serie B nazionale.

Soddisfatto dell’accordo il presidente Antonio Ionata. “Con Domenico Cataneo ormai c’è fiducia e amicizia da qualche anno” – spiega. “Il nostro progetto si basava proprio sulla sua presenza. In passato ci ha dato una grossa mano in momenti di difficoltà e questa chance di disputare la serie B con l’Isernia l’ha davvero meritata, forse più di qualsiasi giocatore. Cataneo è un professionista. Sappiamo come lavora, come la pensa e cosa vuole. Stiamo costruendo una buona squadra, fatta principalmente di ragazzi locali che vogliono apprendere e migliorarsi. Sono caratteristiche fondamentali per il nostro nuovo allenatore che non ha mai guardato ai nomi, ma sempre alle risposte sul campo. Ci siamo garantiti un grande allenatore, oltre che un’ottima persona e sono convinto che faremo un buon campionato”.

Felice per il nuovo incarico lo stesso mister Cataneo. “Non vedo l’ora di iniziare” – ha dichiarato il trainer. “Isernia ormai la conosco da diversi anni, come del resto la società dell’Isernia calcio a 5. Con i fratelli Ionata, con tutta la società e con la città, si è creato un legame particolare, basato sul rispetto e sulla fiducia e di questo sono davvero felice. Per un allenatore è importantissimo lavorare in una società dove esiste un rapporto solido, basato principalmente sul lato umano e, a seguire, su quello sportivo”.

“L’obiettivo che ci siamo prefissati con la società, è quello di lavorare su un progetto duraturo nel tempo” – aggiunge – “e consolidare la società sotto tutti gli aspetti: logistici, settore giovanile, prima squadra, staff dirigenziale, ecc. Nella prossima stagione ci presenteremo con un organico molto giovane, fatto al 99% da molisani. L’obiettivo principale è uno solo: raggiungere la salvezza diretta e cercare di farlo il prima possibile, senza sofferenza”.

Commenta