Menù

Influenza, da domani arriva il vaccino

Influenza, da domani arriva il vaccino

Il direttore generale dell’Asrem Mauro Pirazzoli comunica che da domani prenderà il via su tutto il territorio la campagna vaccinale antinfluenzale stagionale e antipneumococcica-stagione 2014-2015, con l’offerta gratuita del vaccino a quelle categorie di soggetti indicati nella circolare ministeriale. Sono 16.500 le dosi acquistate per la prima fase della campagna (split/sub-unità), 26.300 dosi di vaccino adiuvato con MF59 e 11mila dosi di vaccino intradermico. Il vaccino sarà praticato dai medici di igiene pubblica (presso gli ambulatori vaccinali dei Distretti Sanitari e degli Ambulatori Comunali), dai medici di medicina generale (medici di famiglia) . I medici sono a disposizione dell’utenza per fornire indicazioni sulle categorie di soggetti a quali è offerta gratuita mente la vaccinazione (soggetti di età pari o superiore ai 65 anni, bambini e adulti affetti da particolari malattie croniche, persone che svolgono particolari attività lavorative a rischio, ecc .) e ogni utile informazione di carattere sanitario. Insieme alla vaccinazione antinfluenzale, sarà offerta gratuitamente anche la vaccinazione antipneumococcica agli ultrasessantacinquenni e alle persone con particolari patologie ritenute a rischio di infezione grave da pneumococco. L’influenza è una malattia infettiva altamente contagiosa che si trasmette attraverso piccolissime goccioline di saliva, con la tosse, gli starnuti o per contatto con mani ed oggetti contaminati. Ogni anno essa si presenta in Italia sotto forma di epidemia stagionale (con inizio negli ultimi giorni dell’anno, oppure nei primi giorni dell’anno successivo) e colpisce dal 5 al 10% della popolazione; è responsabile, direttamente oppure indirettamente, della morte di circa 8.000 persone (in Europa, circa 40.000), soprattutto anziani, ed è la terza causa di morte per patologia infettiva, dopo l’Aids e la tubercolosi. La persona infettata è contagiosa da 1 a 4 giorni prima, fino a 5-7 giorni dopo la comparsa della malattia. Una buona metà di persone infettate non presenta i sintomi della malattia, ma è egualmente contagiosa. “Il vaccino contro l’influenza – specificano dall’Asrem – è sicuro, previene la malattia (con un’efficacia del 70-90%) e soprattutto aiuta a prevenire le complicanze dell’influenza, pericolosissime nei soggetti deboli (anziani, malati cronici, ecc .); le uniche controindicazioni sono una malattia acuta di media o grave entità, con o senza febbre (controindicazione temporanea), una grave allergia all’uovo e precedenti reazioni anafilattiche alla vaccinazione. L’Organizzazione Mondiale della Sanità indica come obiettivo primario della vaccinazione antinfluenzale la prevenzione delle forme gravi e complicate dell’influenza e la riduzione della mortalità prematura in gruppi ad aumentato rischio di malattia grave. Al fine di perseguire tale obiettivo, lo Stato Italiano si prefigge di vaccinare gratuitamente, in occasione della campagna stagionale , dal 75 al 95% della popolazione a rischio. Tali indicazioni sono state recepite anche dalla Asrem che peraltro già nelle passate campagne ha ottenuto una buona copertura vaccinale, soprattutto dei soggetti ultrasessantacinquenni”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.