Menù

Adriano La Regina svela un aspetto inedito dell’Italia preromana

Adriano La Regina davanti il tempio orientale

“Teatro e drammaturgia nel Sannio antico”. L’archeologo e presidente dell’istituto nazionale di archeologia e storia dell’arte di Roma Adriano La Regina, dopo aver svelato le ultime incredibili scoperte sul mondo sannita del sito di Pietrabbondante, frutto della campagna di scavi del 2014, incontra curiosi ed appassionati nella cittadina alto molisana per rivelare nuove ed inedite consapevolezze emerse dalle recenti ricerche sul Sannio antico. Domani mattina Adriano La Regina sarà nella sala consiliare di palazzo San Francesco ad Agnone per un’importante ed imperdibile conferenza sul nuovo tema che scruta nuovi aspetti dell’archeologia italica. L’argomento riportato in auge dall’archeologo non è mai stato affrontato a questi livelli dal mondo scientifico impegnato nelle ricerche sull’Italia preromana. La conferenza è organizzata dalla biblioteca Labanca, centenaria istituzione tra le più importanti del suo settore fra Abruzzo e Molise, in collaborazione con l’Isiss di Agnone e il patrocinio dell’assessorato alla cultura del Comune alto molisano e della Regione Molise.

All’incontro, molto atteso dagli appassionati e studiosi di cose sannite di Molise, Abruzzo e Campania e oltre, parteciperà anche Nico Ioffredi, consigliere delegato alla cultura della Regione Molise. Al termine, Nicola Mastronardi, giornalista e scrittore – autore del primo fortunato romanzo storico sull’epopea italica, “Viteliu,Il nome della libertà” –  intervisterà l’illustre archeologo su “Sanniti, Italici e il loro ruolo nella storia di Roma”. Tema in via di forte evoluzione negli ultimi due anni. La conferenza, assoluta novità dunque nel panorama scientifico dell’archeologia sannita e italica, è resa possibile anche grazie ai risultati e alle nuove scoperte conseguenze degli scavi in corso a Pietrabbondante, in Alto Sannio, diretti da anni da La Regina. L’appuntamento è alle 11.00.

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.