Menù

Registro delle unioni di fatto, Muccio chiede un cambio di passo ai sindaci

Registro delle unioni di fatto, Muccio chiede un cambio di passo ai sindaci

Il Molise è indietro nella predisposizione dei registri delle unioni di fatto e convivenze. È l’allarme lanciato dal movimento regionale del Guerriero Sannita e rivolto ai sindaci del territorio.

“È sempre più attuale – spiega in una nota il leader Giovanni Muccio – il tema dei diritti delle ‘coppie di fatto’, cioè i diritti delle coppie che convivono ma che non sono sposate. In Italia per il momento la convivenza non è disciplinata da alcuna legge specifica, negando a queste coppie diritti fondamentali”.

Di qui il suggerimento ai sindaci di deliberare “un regolamento comunale, in cui sia esplicito l’intendimento per unioni civili e cioè il rapporto tra due persone maggiorenni, anche dello stesso sesso, legate da vincoli affettivi differenti da quelli giuridici (matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela, curatela), coabitanti ed aventi dimora abituale nel proprio Comune. Molte altre Amministrazioni comunali hanno provveduto a dare risposte alle ‘coppie di fatto’.  Campobasso è fra i pochi capoluoghi regionali a non provvedere ancora. Questo – mi chiedo e vi chiedo – rappresenta un’evoluzione o un’involuzione?”, aggiunge Muccio.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.