Menù

Fibrillazioni al Comune di Isernia, il Guerriero Sannita bacchetta Brasiello

Fibrillazioni al Comune di Isernia, il Guerriero Sannita bacchetta Brasiello

Giovanni Muccio, presidente del Movimento regionale del Guerriero Sannita, torna ad occuparsi della situazione della maggioranza al Comune di Isernia.

Partendo dalle preoccupazioni generali a livello nazionali espresse nei giorni scorsi dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (“I giovani si allontanano e perdono fiducia perché la politica, spesso, si inaridisce. Perde il legame con i suoi fini oppure perde il coraggio di indicarli chiaramente”), Muccio ricorda come la politica del ‘Molise di tutti’,  a Isernia, con il sindaco Brasiello non riesce ad affrontare i problemi reali. La politica, nel capoluogo pentro, ha smarrito gli obiettivi per la cittadinanza (la lotta contro l’esclusione sociale e contro le disuguaglianze sociali) ed è inaridita. I giovani hanno perso fiducia ed emigrano dalla loro terra natia, troppe sono le promesse programmatiche che restano solo buoni propositi, scritti solo sulla carta.

“Il Movimento regionale del Guerriero Sannita – aggiunge Muccio – sarà sempre vicino alle fasce deboli della società:  il suo principale valore politico è la ‘Giustizia Sociale’, che non è né di destra, né di sinistra, ma che tutti  devono ambire a raggiungere all’interno del proprio gruppo o coalizione politica, anche schierandosi contro i propri rappresentanti politici. Questo è il sale della democrazia. Una cosa contraddistingue il movimento: le sue azioni sono sempre volte al miglioramento e al benessere della società. Oggi il ‘Molise di tutti’ (sia ad Isernia che in regione) stenta a perseguirli”.

Di qui la denuncia e la volontà di chiamarsi fuori da questa politica del dire e non del fare. “La moda per molti, oggi, è quella di salire sul carro del vincitore – chiosa Muccio – al contrario, il Guerriero Sannita scende”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.