Menù

Da lunedì i bambini della Scarano alla D’Ovidio, brevi soste consentite per il Corso

Da lunedì i bambini della Scarano alla D'Ovidio, brevi soste consentite per il Corso

Anche se lunedì i 320 alunni della ‘Scarano’ inizieranno le lezioni di mattina nella ‘Enrico D’Ovidio’, i nodi sulle criticità dell’edificio di via Roma sono ancora tutti al pettine. A riportare l’argomento all’attenzione dell’assise è il capogruppo del Movimento 5 Stelle Simone Cretella. La sua interpellanza apre la seduta straordinaria convocata stamattina a Palazzo San Giorgio. Ad ascoltare in aula il dibattito alcune mamme con i loro bambini.

Intanto, l’amministrazione comunale prepara le opportune misure anche dal punto di vista della circolazione stradale: da lunedì, quando l’ala destra dell’istituto di via Roma accoglierà le sedici classi della Scarano, al centro della città arriveranno centinaia di altre genitori per accompagnare i loro piccoli.

Per evitare di paralizzare il traffico veicolare al centro di Campobasso, il sindaco Battista e l’assessore alla Polizia Municipale Salvatore Colagiovanni danno la possibilità, per i familiari che accompagneranno i loro piccoli a scuola, di poter parcheggiare lungo Corso Vittorio Emanuele dalle ore 8:15 alle ore 8:45 per l’entrata e dalle ore 13:15 alle ore 13:45 in funzione dell’orario di uscita. La sosta non si potrà prolungare per più di dieci minuti, vale a dire il tempo necessario per accompagnare i bimbi fino all’ingresso dell’istituto. Inoltre, l’assessore Colagiovanni fa sapere che per i primi tre giorni i vigili urbani che regoleranno la sosta saranno tolleranti, dal 4 marzo in poi chi andrà oltre il tempo massimo consentito per la sosta lungo il corso sarà multato. “Inviamo i cittadini ad un senso di responsabilità e di civiltà – le parole di Battista e di Colagiovanni – per evitare che il trasferimento in via Roma degli alunni della Scarano non crei particolari disagi alla circolazione nel cuore della città”.

L’articolo completo domani su Primo Piano Molise. 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.