Menù

Il Collegio Ipasvi lancia l’appello: “Riconoscere ruoli dirigenziali anche agli infermieri”

Il Collegio Ipasvi lancia l'appello: "Riconoscere ruoli dirigenziali anche agli infermieri"

“Non sempre il cambiamento equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare”: con questa citazione di Niccolò Machiavelli la presidente del Collegio Ipasvi Campobasso-Isernia,  Mariacristina Magnocavallo, ha aperto l’evento formativo del Coordinamento Interregionale Basilicata-Campania-Molise che si è svolto oggi, 14 maggio, a Campobasso per celebrare la Giornata Internazionale dell’Infermiere.

‘L’infermiere accanto al cittadino… nel nuovo sistema salute’, il titolo della manifestazione durante la quale gli autorevoli relatori e i rappresentanti delle istituzioni si sono confrontati sulle prospettive di una professione, quella dell’infermiere, sempre più inserita nel contesto ospedaliero e in prima linea per le cure ai pazienti. Una risorsa strategica, dunque, per il sistema sanitario.

Umanità, professionalità e competenza dell’infermiere nell’ambito del non facile processo di integrazione tra ospedale e territorio: questa la strada da seguire, come sottolineato dalla presidente del Collegio Ipasvi Campobasso-Isernia, Mariacristina Magnocavallo, per vincere le sfide future imposte dall’evoluzione dei modelli assistenziali. “Insieme alle istituzioni gli infermieri possono essere la forza del cambiamento e solo con questo connubio possiamo raggiungere obiettivi importanti”, le sue parole.

Ma per centrare questo obiettivo, ha evidenziato la presidente Magnocavallo, “occorre che agli infermieri vengano riconosciuti ruoli chiave anche a livello dirigenziale: attualmente non ci sono dirigenze infermieristiche né infermieri nei posti di organizzazione e di gestione del personale, ma è una tendenza che ci aspettiamo venga invertita al più presto”. Da qui l’appello alle istituzioni: “In questa fase di riorganizzazione della sanità molisana, ci aspettiamo risposte immediate”.

L’articolo completo domani su Primo Piano Molise. 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.