Menù

Dieselgate, l’Adoc Molise punge la Volkswagen

Dieselgate, l'Adoc Molise punge la Volkswagen

L’Adoc Molise prende posizione netta sulla vicenda Dieselgate denunciando, senza mezzi termini, la mancanza di risposte da parte di Volkswagen nei confronti dei consumatori italiani ed europei in genere.

Negli Stati Uniti, infatti, l’azienda tedesca di automobili pagherà sino a 10mila dollari i proprietari delle auto diesel incriminate, oltre a investire oltre due miliardi di dollari nella tutela dell’ambiente ed altri due miliardi nello sviluppo di tecnologie per vetture a emissioni zero.

In Europa è arrivato già un invito all’azienda, da parte della Ue, ad indennizzare i consumatori che hanno subito danni alla pari di quanto previsto negli Usa.

Una disparità, al momento, insostenibile e ingiustificabile per Adoc Molise. “Negli Usa – sostengono dall’associazione per consumatori – è stato raggiunto un accordo positivo non solo per i clienti danneggiati, che avranno un cospicuo risarcimento, ma anche per l’intera collettività, tramite investimenti in progetti ambientali: i clienti americani riceveranno un indennizzo tra i 5.100 e i 10.000 dollari, pari a oltre 9.000 euro, oltre all’opzione di vendere la propria auto a Volkswagen e terminare in anticipo il leasing. In più la stessa casa automobilistica finanzierà un programma contro l’inquinamento del valore superiore ai 2 miliardi di dollari. Questo è un aspetto molto importante, in quanto si certifica che il danno prodotto dal Dieselgate interessa tutta la comunità, non solo i proprietari di auto. Questo è il tipo di accordo che deve essere stipulato anche in Italia, una soluzione che tutela e risarcisce veramente i clienti e i cittadini danneggiati. Finora, però, le richieste dei consumatori italiani ed europei, nonostante anche le pressioni dell’Unione Europea, sono rimaste inascoltate”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.