Menù

Scuole sicure, nuove scintille in Consiglio comunale

Scuole sicure, nuove scintille in Consiglio comunale

Un minuto di silenzio per il presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e in ricordo delle vittime del terremoto del Centro Italia. Così inizia a Palazzo San Giorgio il consiglio comunale, tornato a riunirsi dopo la pausa estiva. E’ passato poco più di un mese dall’ultima assise, dal punto di vista politico sembra passato molto di più. Sarà perché il centrosinistra si ‘rinforza’ con Michele Coralbo: l’ex esponente del polo civico aderisce al Centro democratico, partito che fa parte della coalizione che in Municipio sostiene Antonio Battista.

Non è l’unica new entry: Centro democratico accoglie anche l’ex consigliere dei Popolari per l’Italia Pasquale Colarusso. Entrambi annunciano il passaggio all’inizio dei lavori dell’Aula.

Interrogazioni e interpellanze nell’agenda dell’assise comunale. Sotto la lente ancora una volta l’emergenza scuole e in particolare la nuova materna di via Berlinguer costruita senza gli opportuni studi geologici. Doveva essere completata i primi giorni di settembre consentendo di soddisfare le esigenze degli alunni della ‘Guerrizio’ e forse quelle dei bambini dell’asilo di via Tiberio. Manco a dirlo, il cantiere è fermo. A sollecitare la giunta è il capogruppo dei 5 Stelle Simone Cretella. “I lavori sono stati temporaneamente sospesi a causa di una perizia di variante”, spiega l’assessore ai Lavori pubblici Pietro Maio. “I tempi di consegna saranno relativamente brevi se le risultanze delle indagini geologiche effettuate dall’impresa sono in linea con i dati che erano in possesso dell’ingegner Cocozza”. Per l’apertura se ne parlerà l’anno nuovo. “Non ci prendiamo in giro sui tempi”, sbotta in aula Cretella. E poi “l’amministrazione era tenuta per legge a commissionare le relazioni geologiche. Un passaggio che non c’è stato né per via Berlinguer né per via Sant’Antonio dei Lazzari. Il collaudo di quelle scuole – insiste ancora l’esponente pentastellato – come è stato fatto?”.
L’articolo completo su Primo Piano. 

Commenta