Menù

Mi fido di te, interrogazione dei grillini

Mi fido di te, interrogazione dei grillini

Da quasi cinque mesi oltre 700 imprese attendono che la Regione sblocchi i soldi annunciati con il fondo “Mi fido di te”. E pensare che il progetto era stato pensato per aiutare tante aziende nel breve periodo. In tal senso, daprte dei consiglieri regionale del M5S, è partita un’interrogazione in Consiglio regionale
Il fondo in questione ha una dotazione finanziaria di oltre 8 milioni 700 mila euro ed è costituito dal capitale pubblico messo a disposizione delle imprese che possono richiederlo per un periodo di tempo tra i tre e i sei anni e poi restituirlo con interessi a tassi di mercato prestabiliti. Il condizionale però sarebbe d’obbligo perché i soldi al momento non ci sono.
La gestione del Fondo è affidata a FinMolise come è sempre accaduto. Il 31 maggio scorso la finanziaria regionale pubblica sul proprio sito internet l’avviso per “Il nuovo prestito Mi fido di te”, con annessi i criteri e le modalità per partecipare. Una volta raccolte le candidature l’elenco viene inviato alla Regione Molise. La graduatoria viene approvata e prevede 1.255 domande ammesse, per le quali servirebbero circa 20 milioni 451 mila euro, ma solo 703 hanno copertura finanziaria grazie agli 8 milioni previsti dal Fondo.
Dopo le opportune verifiche, quindi, FinMolise avrebbe dovuto sottoscrivere i contratti di finanziamento alle imprese. Ma qui è arrivato il problema. La Regione non ha girato i soldi alla finanziaria regionale e l’iter si è inceppato. Intanto sono già passati quasi cinque mesi e nessuna Pmi ha ricevuto le agevolazioni promesse. Per mettere fine allo stallo il MoVimento 5 Stelle Molise ha presentato una interrogazione in Consiglio regionale.
Patrizia Manzo e Antonio Federico chiedono al presidente Frattura una semplice cosa: se e con quali tempi la Regione ha intenzione di liquidare i fondi a FinMolise, affinché i contratti di finanziamento alle imprese siano perfezionati.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.