Menù

Rogo al convitto Pagano, chiuse le indagini: fu solo danneggiamento

Rogo al convitto Pagano, chiuse le indagini: fu solo danneggiamento

La procura ha chiuso le indagini sul 37enne accusato di aver scatenato il rogo avvenuto lo scorso 2 aprile ad uno degli ingressi del convitto Mario Pagano di Campobasso dove il custode morì di infarto mentre tentava di spegnere le fiamme. All’uomo, un dipendente delle Poste, viene contestato solo il reato di ‘danneggiamento seguito da incendio’, cade dunque l’altra ipotesi formulata dagli investigatori nei giorni successivi all’episodio, quella di ‘morte come conseguenza di altro reato’. La procura ha inviato all’indagato l’avviso di conclusione indagini, il 37enne ha ora 20 giorni di tempo per presentare memorie difensive o per chiedere di essere interrogato. Secondo la ricostruzione del magistrato l’uomo durante la notte “appiccò il fuoco a sacchetti contenenti carta riposti a ridosso del portone del convitto, seguì il parziale incendio del portone”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.