Menù

Veleni in maggioranza, alta tensione in Consiglio comunale

Veleni in maggioranza, alta tensione in Consiglio comunale

Veleni, accuse di abusi, una richiesta di dimissioni da parte di un componente della maggioranza (Ambrosio) e infine il litigio tra Bucci e Trivisonno. E’ ad alta tensione la seduta dell’Aula di Palazzo San Giorgio dedicata alla mozione dei 5 Stelle sul servizio di riscossione dei tributi che lo scorso 17 ottobre la giunta ha deciso di affidare ad una società esterna, il raggruppamento temporaneo di imprese Ica/Creset, aderendo all’accordo quadro stipulato dalla Regione.

Polemiche anche sulla variazione al bilancio di previsione 2016/2018.

Un saldo di sei milioni di euro e due novità importanti dal punto di vista finanziario illustrate in Aula dall’assessore Massimo Sabusco: un esborso di 3 milioni e 100 per il Comune, soccombente nel contenzioso con la Co.Ge.Bo. spa (la società che si era aggiudicata nel 1994 i lavori per l’appalto della Tangenziale Nord – svincolo zona stadio – zona industriale), e altri 140mila euro per il completamento del sottopasso di via Mazzini. E poi ci sono i 100mila euro stanziati per i lavori di adeguamento nella scuola di via Gorizia. Sono alcune delle misure nelle tre delibere approvate a maggioranza dal Consiglio comunale: solo 12 (su 21 componenti) i sì espressi dalla maggioranza. Un ulteriore segnale lanciato dai malpancisti contro Sabusco, di cui alcuni eletti vorrebbero la ‘testa’, e il direttore generale Antonio Iacobucci.  Questi ultimi sono stati bersaglio di critiche feroci bipartisan.

L’articolo completo domani su Primo Piano. 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.