Menù

Tesone risponde a Matticoli: «Nulla d’insensato»

Tesone risponde a Matticoli: «Nulla d'insensato»

Arriva a stretto giro la risposta del sindaco di Pietrabbondante Tesone all’assessore provinciale Matticoli che aveva accusato il primo cittadino del centro altomolisano di ‘accuse insensate’.

«Di insensato – argomenta Tesone – nelle mie parole c’era ben poco, in quanto di testimonianze contrarie alla situazione idilliaca che è stata dichiarata dalla Provincia ne ho ricevute molte. La strada provinciale diretta ad Isernia era bloccata, poiché il mezzo preposto allo sgombero era in riparazione. Per raggiungere Agnone, invece, forse poteva bastare una Fiat 16, ma con uno spazzaneve davanti che pulisse la strada. Con i miei due mezzi a disposizione (un bobcat e un trattore) ho assicurato il trasporto dei dializzati, che lo avevano richiesto. Per qualcun altro è stato indispensabile l’aiuto dei vigili del fuoco. Ribadisco, inoltre, che non si poteva arrivare nelle contrade di Macere, Arco, Ortovecchio, Vignalacorte e Troilo, ed è stato possibile solo nel momento in cui la strada provinciale di Castelverrino è stata aperta, e questo è avvenuto solo dopo le mie esternazioni. La conformazione delle strade di Pietrabbondante fa sì che i mezzi non possano raggiungere tutte le abitazioni, pertanto ho fatto ricorso ad una squadra di spalatori che potessero portare a termine questo compito. Voglio concludere queste superflue imputazioni di Matticoli, ma mi rivolgo in particolare al Presidente, per dire che la gestione del territorio comunale e delle strade deve essere condotta dai sindaci e da operatori stradali che vivono sul territorio quotidianamente, e non da chi è seduto dietro una scrivania. Infatti l’intero meccanismo creato intorno alla gestione dell’emergenza neve lascia, mio malgrado, pensare che sia stata un’aperta campagna elettorale. Invito, infine, anche la minoranza del mio comune a collaborare in quanto parte del tessuto cittadino, invece di polemizzare inutilmente».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.