Menù

Caso Cucchi, indagato anche un carabiniere di Sesto Campano per omicidio preterintenzionale

Caso Cucchi, indagato anche un carabiniere di Sesto Campano per omicidio preterintenzionale

C’è anche un carabiniere di Sesto Campano, che però lavora nel .-Lazio, tra gli indagati per la morte di Stefano Cucchi. Si tratta di Alessio Di Bernardo, militare molisano che adesso dovrà rispondere dell’accusa di omicidio preterintenzionale.

L’inchiesta. Stefano Cucchi morto a seguito del pestaggio dopo l’arresto. Otto anni dopo la sua morte in un letto del reparto di medicina protetta dell’ospedale Pertini di Roma (22 ottobre 2009), il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il pm Giovanni Musarò chiudono la cosiddetta inchiesta bis (aperta nel novembre del 2014) sui responsabili del suo pestaggio e con l’atto di conclusione indagini contesta a tre dei carabinieri che lo arrestarono nel parco degli acquedotti di Roma – Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco – il reato di omicidio preterintenzionale.

Con loro, accusati di calunnia, il maresciallo Roberto Mandolini, allora comandante della stazione dei carabinieri Appia (quella che, nella notte tra il 15 e il 16 ottobre 2009 aveva proceduto all’arresto) e i carabinieri Vincenzo Nicolardi e Francesco Tedesco. Per Mandolini e Tedesco, infine, anche il reato di falso verbale di arresto.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.