Menù

“Il mio progetto è la vita”, al Savoia il concerto per ricordare Gianni Falcione

"Il mio progetto è la vita", al Savoia il concerto per ricordare Gianni Falcione

È diventato un appuntamento fisso. Il 16 marzo, anche quest’anno, sul palco del teatro Savoia il concerto in ricordo del giudice Gianni Falcione. ‘Il mio progetto è la vita’, il titolo della serata. Una frase del magistrato, scomparso a 51 anni a pochi giorni dal Natale del 2014. Una lunga battaglia contro il male, la sua. Che però il cancro non ha vinto se la voglia di ricordarlo, ispirarsi a lui, al suo esempio di uomo e professionista è rimasta intatta.
L’idea di un appuntamento in onore di Gianni Falcione – un’istituzione in tribunale a Campobasso nonostante la giovane età – è venuta subito dopo la sua scomparsa alla sorella Lina e a suo marito Domenico Pedicino, a un loro amico Antonio Farnitano. La realizza l’associazione culturale ‘Insieme’ di San Giuliano del Sannio con il suo presidente Emanuele Cappella e il patrocinio della Provincia di Campobasso.
Stasera, dunque, dalle 19.30, il concerto del quintetto ‘Storie in tango’: Mario Muccitto, Pasquale Farinacci, Gianluca De Lena, Basso Cannarsa, Morris Capone. Con loro anche l’attore Aldo Gioia e la sand artist Paola Saracini. Durante la serata sarà consegnato il premio intitolato a Gianni Falcione a uno studente della scuola secondaria di secondo grado del Molise.
Con il sodalizio ‘Insieme’ – attivo da anni nel campo delle attività culturali, sociali e ricreative – il magistrato ha collaborato per realizzare molti progetti. Come coltivava anche la passione per il body building. E con la stessa passione, unita ad un rigore morale ancora prima che deontologico, amministrava la giustizia. Un giudice, appunto, giusto.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.