Menù

Pasquetta, boom all’Oasi del Wwf

Pasquetta, boom all’Oasi del Wwf

Il giorno di Pasquetta all’Oasi Wwf di Guardiaregia-Campochiaro è stato registrato un eccezionale numero di turisti. Tanti i visitatori che hanno voluto trascorrere la giornata, anche se non troppo favorevole per il tempo incerto, immersi nelle bellezze della natura incontaminata del Matese.
Tra queste presenze si sono registrate non solo turisti molisani ed extraregionali, ma anche stranieri. Infatti le guide della Riserva matesina hanno accolto un gruppo di turisti svedesi che hanno scelto di conoscere nel loro giro turistico italiano, la seconda Oasi italiana per estensione con i suoi 3.135 ettari, che oltre per grandezza è anche una delle più selvagge in gestione al Wwf. I turisti svedesi, rimasti estremamente incantati dalle bellezze del luogo, hanno potuto ammirare gli spettacolari fenomeni carsici, come il Canyon del torrente Quirino, la cascata di San Nicola, e tanti altri luoghi meravigliosi dell’Oasi.
Non va dimenticato che al suo interno sono presenti le grotte di Pozzo della Neve e Cul di Bove, che sono fra i più profondi abissi d’Europa, la prima profonda 1.048 metri, la seconda, invece, 913.
L’Oasi Guardiaregia-Campochiaro si trova, inoltre, all’interno di un Sito d’importanza vomunitaria (SIC IT222287), ed è anche una Zona di protezione speciale (ZPS IT222296).
Questo pienone a Pasquetta, nonostante le temperature rigide della giornata, fa comunque ben sperare per il futuro, soprattutto in vista della stagione estiva quando sarà varato il programma delle visite all’Oasi.
Bisogna che le istituzioni preposte cerchino di incentivare la promozione di questa perla incantevole purtroppo ancora poco conosciuta a livello nazionale ed internazionale, Oasi che ha tutte le potenzialità per diventare una forte attrazione da inserire in un percorso turistico che si sviluppi all’interno dell’area matesina che presenta delle notevoli peculiarità da punto di vista storico, culturale e ambientale ancora poco valorizzate, e che potrebbero costituire un ottimo volano per l’economia della zona. E.C.

Commenta