Menù

Antonio Petrocelli, caduto in guerra e ‘dimenticato’ dal Comune

seconda guerra mondiale - russia

Morto in battaglia, decorato con Croce al merito di guerra ma… dimenticato dal proprio Comune. È questa la storia di Antonio Petrocelli, caporal maggiore caduto tra il 17 e 18 dicembre 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale al fronte russo. Aveva solo 28 anni Petrocelli quando per fedeltà alla patria andava a combattere per l’Italia nell’area di Tverdoklebovka trovando la morte sul campo di battaglia.
Al termine di lunghe e laboriose ricerche, la famiglia riuscì a risalire al proprio caro, le cui poche spoglie vennero riportate in Italia il 2 ottobre del 1998 tramite apposito volo di Stato per poi essere tumulate nel cimitero monumentale del Verano: a seguito di ulteriori peripezie, il corpo del caporal maggiore venne definitivamente seppellito presso il cimitero di Roccaravindola, dove tuttora riposa e dove sarebbe dovuto sorgere un monumento in suo ricordo. Invece, niente monumento e niente riconoscimenti da parte del Comune di Montaquila nonostante le promesse delle varie amministrazioni.
In una parola, il caporal maggiore è stato letteralmente dimenticato. I familiari oggi si sentono «umiliati». Insomma, se in altri Comuni i caduti in guerra decorati con croci e medaglie hanno ricevuto l’onore di intitolazioni di vie e piazze, a Montaquila per Antonio Petrocelli non c’è stata “giustizia”. Il figlio Pasquale, oggi 77enne, giura che lotterà «fino a quando non chiuderò per sempre gli occhi…». A nulla sono valsi finora neppure gli appelli al papa e al presidente della Repubblica. Spetta all’amministrazione comunale – che più volte lo ha promesso – decidersi magari a intitolargli piazza Santa Maria Ausiliatrice in Roccaravindola, ovvero nei pressi dell’abitazione dei Petrocelli.
Ad essere profondamente amareggiata è anche la nipote, Antonietta, che mostra con vanto le medaglie del nonno e la Croce al merito di guerra riconosciuta dal distretto militare di Caserta. «Abbiamo tutta la documentazione che ci è stata fornita nel corso degli anni dalle autorità, conserviamo persino il numero di volo con il quale sono state riportate in Italia le sue spoglie. A questo dossier manca però ciò che pure ci era stato promesso – dice con una punta di rabbia oltre che amarezza -: un riconoscimento pubblico da parte del nostro Comune che, “dimenticandosi” del caporal maggiore Antonio Petrocelli ne umilia la memoria».

(su Primo Piano Molise di oggi in edicola)

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.