Menù

Alla Fondazione Giovanni Paolo II arriva il gotha della cardiochirurgia

Alla Fondazione Giovanni Paolo II arriva il gotha della cardiochirurgia

Il prossimo 17 giugno i migliori cardiochirurghi si ritroveranno in Molise per partecipare al convegno “Mitral and Tricuspid Valve, the reality and the future” promosso dalla Fondazione “Giovanni Paolo II”. Quest’anno la V edizione di “A Day With Expert” è dedicata alle terapie e alle innovazioni per la disfunzione della valvola mitralica. A Campobasso, i gli esperti del ‘cuore’ discuteranno degli aspetti attuali e degli sviluppi futuri delle terapie delle patologie valvolari. Verrà trasmesso dal vivo un caso in cui sarà seguita una tecnica innovativa per la riparazione della valvola mitralica con l’utilizzo di neocorde per via transapicale. Le relazioni inerenti le terapie chirurgiche minimamente invasive sono presentate dagli stessi ideatori, Hugo Van Hermen, Patrick Perrier, Giuseppe Speziale.
La Faculty è composta da cardiochirurghi, cardiologi di diverse nazionalità (Italia, Stati Uniti, Belgio, Spagna, Germania) che sono tra i massimi esperti nel panorama internazionale. A fare gli onori di casa ci sarà il direttore del Dipartimento di Malattie Cardiovascolari della Fondazione Carlo Maria De Filippo (nella foto), saranno presenti gli statunitensi Steven Bolding dell’Università del Michigan e Marriel Jesupp,University of Pennsylvania’s Perelman School of Medicine; oltre che il preside della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica, Rocco Bellantone; Filippo Crea, direttore del polo di Scienze cardiovascolari e toraciche e ordinario di cardiologia nello stesso ateneo e Ottavio Alfieri, Università San Raffaele, noto per la tecnica operatoria di correzione del malfunzionamento della valvola mitralica che porta il suo nome, “Alfieri stitch”. I lavori verranno introdotti dal direttore generale della Fondazione Mario Zappia. Il programma completo e le modalità per l’iscrizione sono consultabili al sito www.mitraltricuspidvalve.com. Il form va compilato entro il 10 giugno 2017. Il corso sarà accreditato per le figure professionali di: medico chirurgo, infermiere, fisioterapista, tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.