Menù

Lezioni di civiltà dai migranti: ripulito pure il muro della scuola D’Ovidio di Campobasso

Lezioni di civiltà dai migranti: ripulito pure il muro della scuola D’Ovidio di Campobasso

La scorsa settimana hanno riportato la statua di Gino Marotta in villa Musenga al suo originario splendore. Ieri mattina sono entrati di nuovo in azione per ripulire la facciata della scuola D’Ovidio di via Roma. Spazzole, sapone, tute da lavoro e mascherine: in poche ore migranti ospiti dell’Eden di Campobasso hanno rimosso disegni e scritte dal muro della scuola. L’iniziativa rientra nel progetto di riqualificazione urbana e inclusione sociale ‘Imbrartiamo’ promossa dagli assessorati all’Urbanistica e alle Politiche sociali del Comune di Campobasso, a cui i ragazzi del Cat hanno aderito con grande entusiasmo. «I ragazzi provengono dalla Nigeria, dal Gambia, dal Mali e dalla Costa d’Avorio – spiega uno dei responsabili del centro, Maurizio Ioia – e sono stati scelti per questa iniziativa per le loro doti artistiche. Contrariante a quanto si pensa, questi ragazzi sanno fare molte cose e soprattutto hanno voglia di fare. Quando chiedo loro se vogliono venire ad aiutarmi, di qualunque cosa si tratti, ‘fanno a cazzotti’ per essere scelti». Del resto, al di là del progetto del Comune, i ragazzi sono stati protagonisti di tante altre iniziative: dalla pulizia delle strade del centro storico durante la nevicata di gennaio scorso, alla bonifica dell’area di Montevairano, alla sistemazione del giardino della scuola di via Sant’Antonio dei Lazzari. Esempi lampanti di quanto certi luoghi comuni siano solo frutto di ignoranza. «Non è vero che sono solo propensi alla delinquenza, allo spaccio e alla prostituzione – sottolinea Maurizio, senza nascondere un pizzico di amarezza – hanno solo bisogno di essere coinvolti più spesso in attività come queste. Attività che andrebbero condivise anche con la cittadina». E intanto domani i ragazzi si dedicheranno al restyling degli uffici dell’assessorato alle Politiche sociali.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.