Menù

La Uil promuove il gioco di squadra: «Vediamoci il 7 agosto e confermiamo il patto sul Molise che non si arrende»

Una buona notizia, quella che arriva da Palazzo Madama sulla questione ammortizzatori alla Gam, secondo la segretaria regionale della Uil Tecla Boccardo.
Intanto per «la condizione personale e familiare, economica e psicologica di ognuno di questi lavoratori che già vedevano lo spettro della mancanza di reddito». E poi perché «dal governo e dal Parlamento, grazie anche alla tenacia del senatore Ruta, c’è una risposta eccezionale ad una situazione davvero non consueta: prima che la produzione possa riprendere serve ancora molto tempo e tutti gli strumenti, soprattutto quelli determinati dal riconoscimento dell’area di crisi complessa, vanno utilizzati per tamponare la situazione e per riprogettare in modo convincente il futuro attorno ad un’idea forte».
Prima la Zes, ora la cassa integrazione della Gam: fare squadra, evidenzia la sindacalista, premia. Quindi il metodo va replicato e portato a sistema. La proposta di Boccardo è questa. Regione, amministrazioni locali, organizzazioni di categoria e sindacati siglarono tre anni fa il documento ‘Il Molise che non si arrende’. «Rivediamoci, tutti assieme, il prossimo 7 agosto, non per un momento celebrativo ma per ribadire l’impegno comune a far sì che il nostro territorio possa risollevarsi utilizzando tutte le opportunità che oggi ci sono tra aree di crisi e fondi europei, tra Zes e Patto per il Molise, tra decreto per il Sud e specifiche dotazioni finanziarie per la sanità e la viabilità. Le strategie possono essere diverse, ma un raccordo è indispensabile. Per non vanificare – conclude Boccardo – il raggiungimento possibile di obiettivi che di certo sono comuni: il benessere dei molisani, la creazione di opportunità di lavoro, la stessa esistenza autonoma della nostra realtà regionale».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.