Menù

Circuiti culturali, il progetto molisano scelto come eccellenza nazionale

Circuiti culturali, il progetto molisano scelto come eccellenza nazionale

Nuovamente il Molise al centro dell’attenzione livello nazionale attraverso l’affermazione della qualità della sua scuola. Si chiama “Circuiti Culturali” ed è un progetto creato per favorire la promozione e la riqualificazione dei luoghi di interesse culturale della regione Molise. Sarà illustrato domani, venerdì 12 gennaio, nello Spazio Ex Gil di Roma (Largo Ascianghi) davanti alla ministra dell’Istruzione e ai vertici nazionali dell’Unesco durante l’evento #UNESCOEdu, il programma nazionale di educazione destinato alle scuole e alle università.
La presentazione di “Circuiti Culturali” – scelto dall’Unesco come esempio di eccellenza progettuale, a livello nazionale – sarà tenuta dalla componente della Commissione nazionale Unesco, Nicoletta Di Pinto e dal direttore dell’Ufficio Scolastico del Molise, Anna Paola Sabatini. Il progetto è stato promosso dal Comitato Unesco Giovani del Molise con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Molise. All’iniziativa hanno aderito gli istituti scolastici Ipsia di Montenero di Bisaccia e Ipsia “L. Montini-Cuoco” di Campobasso, insieme ad altre istituzioni del territorio come il Comune di Montenero di Bisaccia, il Comune di Larino e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Molise.
“Circuiti Culturali” è un progetto di illuminazione sostenibile dell’anfiteatro romano di Larino (opera del I-II sec. d.C), in provincia di Campobasso.
L’iniziativa punta a valorizzare un importante sito archeologico attraverso metodologie innovative basate su concetti di tutela ambientale e culturale.
«Si caratterizza per una forte valenza educativa – come spiegano dal Comitato Unesco Giovani del Molise – e si innesta in un processo di costruzione della personalità, per formare le giovani comunità orientate al futuro».
«Sensibilizzare i giovani ai temi e valori dell’Unesco, educarli a una cittadinanza attiva e consapevole, formarli alla conoscenza del proprio territorio. Sono alcuni degli obiettivi del progetto Unesco Edu, promosso dal Comitato giovani della Commissione nazionale italiana per l’Unesco, in accordo con il Ministero dell’Istruzione – ha detto il direttore dell’Ufficio Scolastico del Molise, Anna Paola Sabatini – l’iniziativa si inserisce nel protocollo d’Intesa, siglato con il Miur il 19 gennaio 2016, per portare nelle nostre scuole i programmi operativi sviluppati in ambito internazionale nei campi dell’Educazione, della Comunicazione e informazione, delle Scienze naturali, delle Scienze umane e sociali e della Cultura. Un ringraziamento speciale – ha aggiunto Anna Paola Sabatini – va al Comitato Giovani Unesco del Molise per il prezioso lavoro di valorizzazione del territorio e per aver pensato proprio ad una partnership con il nostro Ufficio, caratteristica che ha permesso l’inserimento del progetto molisano tra le 5 eccellenze nazionali che verranno premiate venerdì a Roma. L’unico progetto selezionato in collaborazione con un Usr.
Dal punto di vista scolastico, siamo partiti e abbiamo fatto ancora una volta tesoro delle nostre specificità e bellezze molisane, superando limiti geografici e strutturali, trasformandoci in una vera e propria ‘Comunità del sapere’. Le peculiari dimensioni del nostro territorio (legate anche alla presenza di molti comuni situati in aree montane e interne) sono state considerate ancora una volta un punto di forza, un valore aggiunto, per un lavoro efficace in ‘rete’ in grado di produrre centinaia di attività e progetti culturali nei vari istituti della regione, posizionati in maniera notevolmente frequente ai primi posti nelle graduatorie nazionali di eventi e concorsi. E le nostre eccellenze saranno presenti anche alla prossima festa nazionale del Piano Scuola Digitale in programma dal 18 al 20 gennaio a Bologna. Abbiamo lavorato in un’ottica ‘glocal’ – ha sottolineato la Sabatini – collegando il nostro territorio a progetti importanti come la partnership con Rondine Cittadella della Pace, candidata al Premio Nobel per la Pace nel 2015, oppure con AICA (Associazione nazionale per l’informatica e il calcolo Automatico), di Microsoft, di Libera, del Comitato Nazionale Giovani Unesco. Nel 2017, l’Usr Molise ha partecipato anche ai lavori del Cantiere Nazionale Scuola Digitale di ForumPA e nel Report annuale del ForumPA, presentato a metà dicembre al Centro Congressi Fontana di Trevi a Roma, è stata inserita anche una pubblicazione sullo stato della scuola digitale in Italia, realizzata proprio dal nostro USR».

Commenta