Menù

Tangenziale nord, ok al progetto: lavori entro il 2018

Tangenziale nord, ok al progetto: lavori entro il 2018

Era tra i primi obiettivi da centrare nel 2018, come annunciato dal sindaco Antonio Battista nella conferenza stampa di fine anno. Ieri mattina il Consiglio ha portato a casa il risultato: con 16 voti favorevoli è stata approvata la delibera sul ‘Completamento, adeguamento, potenziamento della Tangenziale Nord’, insieme alla relativa variante urbanistica, che entro 60 giorni dovrà ricevere l’ok pure dalla Regione. Al progetto hanno ‘detto sì’ anche i consiglierei di Democrazia popolare Francesco Pilone e Carla Fasolino, astenuti i 5 Stelle mentre l’unico contrario è stato l’ex sindaco Gino Di Bartolomeo. L’opera, finanziata nel 2015 dalla Regione con 18 milioni del Fondo sviluppo e coesione 2007/2013, è attesa da anni: servirà a collegare la città evitando ingorghi nel centro, con ricadute positive anche sulla circolazione delle auto che arrivano a Campobasso dai comuni della cinta e dal resto del Molise.
Ma ci vorrà ancora un po’ per aprire il cantiere: in Aula mancavano i numeri e dunque non è stata approvata l’immediata eseguibilità dell’opera. «Ma tra una decina di giorni – ha assicurato il sindaco – la delibera sarà esecutiva». Ad ogni modo, i lavori saranno avviati nel 2018 e dovrebbero essere completati sempre entro quest’anno, così come da convenzione, ma non si escludono, solo se necessarie, eventuali proroghe.
Di diverso avviso i consiglieri pentastellati, secondo cui i cantieri apriranno non prima dell’estate, e dunque c’è il rischio concreto di perdere il finanziamento regionale se i lavori non saranno completati entro il 31 dicembre 2018. A meno che da Palazzo Vitale non arrivi una proroga. Per questo motivo Simone Cretella ha presentato un ordine del giorno affinché il Comune solleciti il governo regionale in tal senso.
«Ci potrebbero essere dei ritardi dovuti ai ricorsi o ad altri imprevisti – ha puntualizzato il primo cittadino – e potrebbe essere necessaria una proroga. Ma non ne abbiamo ancora la certezza, per la proroga sarà chiesta solo se sarà necessario».

Commenta