Menù

Isernia, maxi evasione fiscale: sequestrati 12 immobili

Isernia, maxi evasione fiscale: sequestrati 12 immobili

Ancora reati tributari nel mirino della Guardia di Finanza di Isernia. Questa volta nella rete del Nucleo di polizia economico-finanziaria è finito un imprenditore edile campano che, come sede della sua attività, ha scelto il capoluogo pentro. Per gli investigatori è responsabile di una maxi evasione fiscale che, da stime effettuate, ammonterebbe a circa 3,7 milioni di euro. E, per questo, è scattato il sequestro preventivo per equivalente di beni del valore di circa tre milioni e mezzo di euro.
I sigilli sono stati apposti a dodici immobili, risultati tutti nella sua disponibilità e ubicati in Campania. Si tratta di appartamenti, uffici, depositi, ma anche autorimesse e un terreno edificabile.
Il provvedimento è stato attuato a seguito di una lunga e complessa attività di indagine svolta della Fiamme Gialle. Sotto la lente sono finiti i documenti contabili dell’impresa. Grazie ad acceramenti minuziosi e controlli incrociati, i finanzieri hanno scoperto l’evasione fiscale milionaria. Al termine delle verifiche al campano è stata contestata l’infedele dichiarazione dei redditi, per un importo di circa 3,7 milioni di euro corrispondente alla plusvalenza realizzata mediante cessione di un fabbricato di sua proprietà, e la sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte.
Alla luce degli elementi raccolti è quindi scattato il decreto di sequestro preventivo per equivalente, la cui esecuzione è stata delegata dal procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Isernia.
«L’aggressione patrimoniale alle ricchezze illecitamente accumulate – sottolineano i vertici delle Fiamme Gialle -, in aderenza alle rinnovate linee strategiche di contrasto all’evasione fiscale perseguite dalla Guardia di Finanza, risulta lo strumento più diretto ed efficace per assicurare l’effettivo ristoro delle casse erariali».

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.