Menù

Pozzilli, ricerca antidoto agli sciamani: a lezione da Elena Cattaneo

Pozzilli, ricerca antidoto agli sciamani: a lezione da Elena Cattaneo

È stata una carrellata sulla lunga storia del “gene antico”, al quale è legata la malattia di Huntington, la temibile patologia nervosa a base genetica. Su una prospettiva globale che riguarda questa malattia, la sua storia, le sue origini e le promesse che la ricerca scientifica sta aprendo, è stato incentrato il seminario “Neuroni da staminali per l’Huntington: prospettive conoscitive e cliniche in ambito neurologico a partire da un gene antico”, che si è svolto ieri all’Irccs Neuromed dalla professoressa Elena Cattaneo.
Cattaneo, direttrice del laboratorio di Biologia delle cellule staminali e Farmacologia delle malattie neurodegenerative del dipartimento di Bioscienze dell’Università di Milano – e senatrice a vita – ha dato una visione d’insieme alla malattia di Huntington. Con un accenno alle ricerche in corso e a ciò che ci possiamo aspettare. «Vi sono diverse strade attualmente allo studio – ha detto la ricercatrice – Una, che definirei fenomenale, è di “silenziare” il gene responsabile della malattia. È stato infatti costruito in laboratorio qualcosa di simile a uno “scotch molecolare”, che riconosce esattamente il gene nel dna e lo mette a tacere. I risultati su modelli animali sono stati molto incoraggianti, e nel 2015 è stata avviata la prima sperimentazione su esseri umani. Questa è una strada maestra, nella quale potremo colpire specificamente le cause della patologia».
L’altro aspetto trattato è quello delle cellule staminali, con la prospettiva di usarle per rimpiazzare il tessuto nervoso danneggiato dalla malattia. «Sulle staminali – ha detto ancora Cattaneo – dobbiamo stare bene con i piedi per terra. È importante che il pubblico capisca che serve tantissima ricerca, tantissime prove devono essere accumulate. Non c’è da andare dietro a “riti sciamanici”. Oggi, dopo decenni di studi, abbiamo un “faro” per le malattie neurodegenerative: l’uso di staminali embrionali. Nel 2011, per la prima volta, è stato possibile “istruire” queste cellule in modo che si trasformassero in neuroni dopaminergici, proprio quelli che muoiono nella malattia di Parkinson».
Il seminario della professoressa Cattaneo è inserito nell’ambito delle iniziative Neuromed per la Giornata delle Malattie Rare, che si celebra il 28 febbraio.
Martedì 27 febbraio, dalle ore 10.30, il professor Stefano Ruggieri e la dottoressa Francesca Elifani, terranno un incontro dal titolo “Le malattie Rare: insieme le possibilità sono infinite”, presso il Liceo Scientifico Romita di Campobasso.
Mercoledì, 28 febbraio, la dottoressa Alba Di Pardo, del Centro di Neurogenetica e Malattie rare Neuromed, incontrerà a partire dalle ore 16.00, gli studenti dell’Istituto comprensivo Leopoldo Pilla presso il Centro sociale Don Orione di Venafro insieme a Palmina Giannini.
Nelle mattinate del 27 e 28 febbraio, infine, sarà disponibile un Info Point nella hall principale della clinica dell’Irccs Neuromed.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.