Menù

Ulivo 2.0 punta ai trentenni «Il Consiglio sarà nuovo al 90%»

Ulivo 2.0 punta ai trentenni «Il Consiglio sarà nuovo al 90%»

Quattro punti. Il primo: il simbolo ‘Molise 2.0’, il Molise che ti meraviglia che rappresenterà Ulivo 2.0, [email protected] e Centro Democratico nella scalata alla Regione.
Il secondo: la quinta lista, ‘30 e lode’, che sarà composta solo da trentenni. «Se vinceremo – riferisce Roberto Ruta durante l’incontro con i giornalisti di ieri mattina a Campobasso presso il Rinascimento – in Consiglio ci saranno almeno due giovani».
Una lista generazionale, la definisce il senatore. Chi fosse interessato a farne parte può inviare una mail a [email protected] e confrontarsi sui punti programmatici. C’è tempo fino a lunedì sera. Generazione «non di bamboccioni ma di persone nate in un tempo complesso».
Giovani, dunque. E rinnovamento. Siamo al terzo punto. «In caso di vittoria – prosegue il candidato presidente – il 90% degli eletti sarà composto da persone che non sono mai state in Consiglio regionale».
Il quarto argomento è una stoccata al centrodestra che lavora ad una grande coalizione per battere i Cinque Stelle. «Siamo alternativi» rimarca più volte Ruta. Iscritto al Pd ma contro i dem «perché siamo alternativi anche al centrosinistra che fa politiche di centrodestra».
Ricapitolando. Alternativi al centrodestra. E al centrosinistra che fa cose di centrodestra. L’ultima considerazione, destinata ad essere approfondita, il senatore la riserva ai Cinque Stelle che definisce «concorrenti». E non avversari. Cosa avrà voluto dire lo lasciamo alla libera interpretazione di ogni lettore.
Al suo fianco la squadra di sempre: Macoretta, Notarangelo, Durante, Dentizzi, Trematerra e Di Stefano.
L’incontro con i giornalisti si apre con un ringraziamento ai 1300 dello Sturzo, «la più grande manifestazione – per Ruta – dell’ultimo decennio senza la presenza di un leader nazionale» e con un omaggio alle donne, una mimosa consegnata ad Adele Fraracci e simbolicamente a tutte le rappresentanti del gentil sesso. La professore incassa il dono, ringrazia e sintetizza: «Tanto abbiamo fatto e tanto dobbiamo ancora fare». Infine la neodeputata Giuseppina Occhionero (eletta alla Camera con Liberi e Uguali) cita Oscar Wilde: «Date alle donne occasioni adeguate ed esse potranno fare tutto».
pierluigi boragine

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.