Menù

Criminale romano in fuga a Frosolone sorpreso e arrestato dai Carabinieri

Criminale romano in fuga a Frosolone sorpreso e arrestato dai Carabinieri

Condannato in via definitiva a cinque anni di carcere, un 40enne di Roma ha pensato bene di nascondersi da un parente molisano per sfuggire al carcere, ma non aveva fatto i conti con i carabinieri.
I militari della Stazione di Frosolone hanno interrotto la sua latitanza rintracciandolo in un’abitazione posta in una contrada del popoloso comune della provincia di Isernia.
Sul 40enne pendeva un ordine di carcerazione relativo a un cumulo di pene per una serie di reati che vanno dalla ricettazione agli atti persecutori, dalla minaccia aggravata alle lesioni personali aggravate.
Non solo, perché nel curriculum di questo malvivente seriale ci sono anche reati contro la persona e il patrimonio. Insomma un ladro esperto che si è macchiato anche di gravi crimini verso la compagna, diventando una sorta di ‘volto noto’ della capitale.
I carabinieri hanno condotto accurate indagini e sono riusciti a rintracciarlo in breve tempo. Dopo aver scoperto il suo nascondiglio, hanno messo in atto diversi appostamenti proprio in corrispondenza di quell’abitazione, di proprietà di un familiare. Si tratta di una zona di campagna e lì, presumibilmente, il 40enne credeva di non dare nell’occhio e quindi di non essere mai trovato.
Eppure dal momento in cui si era reso irreperibile, ‘sparendo’ dalla sua casa di Roma e non dando più notizie di sé, erano scattati gli accertamenti dell’Arma.
Con i controlli incrociati e un lavoro certosino, i militari sono risaliti alle sue parentele molisane. L’uomo, quindi, è stato sorpreso nella villetta di campagna di Frosolone ed è scattato subito l’arresto. Successivamente è stato accompagnato in Caserma e, dopo le formalità di rito, trasferito nella Casa Circondariale di Ponte San Leonardo, a Isernia, dove dovrà scontare il cumulo di pene pari a cinque anni di reclusione.
L’operazione dei carabinieri è stata condotta nel corso del weekend scorso ed è arrivata al culmine di un’intensa attività che ha contemplato anche il monitoraggio del territorio provinciale.
VC

Commenta