Menù

Isernia, erba alta sulle strade e vicino alle scuole: esplode la protesta

Le domande per la presentazione delle manifestazioni di interesse da parte di ditte disposte a eseguire i lavori di manutenzione scadono oggi a mezzogiorno. Ma intanto a Isernia è polemica per i mancati interventi di sfalcio dell’erba. Sale la protesta dei cittadini, stanchi di aspettare e di dover fare i conti con le criticità che si stanno registrando. Chiedono interventi in tempi brevi, perché – dicono – questa situazione non è più tollerabile. I malumori corrono sul web. E sono numerosi i cittadini che, soprattutto negli ultimi giorni, hanno postato immagini che ritraggono situazioni di degrado. Le foto, postate sulla pagina Facebook ‘Obiettivo Isernia’, hanno animato il dibattito, mostrando chiaramente quanto si sta verificando, in centro come in periferia. Partendo da corso Risorgimento, dove gli scatti evidenziano la presenza di erbacce nelle aiuole e lungo i marciapiedi che certo non sono un bel biglietto da visita per chi arriva in città. Ma a creare maggiori malumori è l’erba alta ancora non rimossa nei pressi degli edifici scolastici. Le segnalazioni arrivano soprattutto da San Lazzaro da parte dei genitori degli alunni, preoccupati per la fitta vegetazione che ha invaso la zona antistante l’istituto. A preoccupare è anche l’eventuale presenza di rettili e di insetti che possono rappresentare un rischio concreto per i propri figli. Discorso analogo in via Umbria e anche nella zona industriale di Miranda che attualmente ospita i piccoli della San Giovanni Bosco.
Intanto, in attesa che vengano espletate le procedure per l’affidamento della gara, mercoledì partiranno alcuni lavori di manutenzione. Lo si apprende da una ordinanza del Comune, con cui sono stati disposti dei divieti di sosta per consentire dei lavori di manutenzione lungo le strade cittadine. Interventi che riguardano il «taglio dell’erba e alla rimozione degli arbusti a crescita spontaneamente su marciapiedi e angoli di sedi stradali».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.