Menù

Rinnovato il contratto delle costruzioni «Supporto al rilancio del comparto»

Rinnovato il contratto delle costruzioni «Supporto al rilancio del comparto»

È stato firmato il 5 giugno nella sede di Ance Molise a Campobasso il rinnovo del contratto collettivo regionale per i dipendenti delle imprese edili e affini, un comparto che rappresenta, nonostante la pesante crisi dell’ultimo decennio, il 10% del prodotto interno loro molisano.
In questo particolare momento storico per il settore delle costruzioni, con una situazione del mercato edile ancora impegnato a fronteggiare pesanti situazioni di crisi e che non evidenzia una vera ripresa dell’occupazione e del lavoro, sottolinea l’Ance, il rinnovo del contratto integrativo regionale è un elemento di supporto al rilancio del comparto delle costruzioni, per rispondere alle attuali esigenze delle imprese e dei lavoratori.
La trattativa tra Ance Molise (nella foto il presidente Galasso, ndr), Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil è stata caratterizzata da un confronto lungo ed articolato e dalla volontà condivisa di far fronte comune alle sfide e alle trasformazioni del settore.
La dialettica contrattuale ha raggiunto importanti obiettivi comuni. Tra questi:
la valorizzazione del contratto edile, strumento cardine per la gestione del personale operante nei cantieri edili, adeguato ai rischi derivanti dalle lavorazioni tipiche del cantiere, con tutele e garanzie per imprese e lavoratori;
il rilancio delle azioni e degli strumenti di confronto con le istituzioni locali per l’individuazione di comuni di strategie finalizzate alla concreta ripresa del comparto delle costruzioni;
l’adeguamento dell’elemento variabile della retribuzione per i lavoratori del settore;
il contenimento dell’aliquota contributiva per anzianità professionale edile;
il potenziamento della sicurezza sui cantieri, anche attraverso il rafforzamento del ruolo, della contribuzione e delle attività degli Rlst;
la razionalizzazione del sistema bilaterale edile, attraverso lo sforzo delle parti sociali per adeguare strutture e compiti degli enti paritetici (Cassa Edile, Scuola Edile e C.P.T.) ai bisogni del settore, ottimizzando la qualità delle loro azioni e ponendoli a servizio di imprese e lavoratori con l’obiettivo di farli diventare sempre più il punto di riferimento per tutti gli operatori del cantiere edile.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.