Menù

Borse di studio, ok dell’Esu alla graduatoria integrativa

Borse di studio, ok dell’Esu alla graduatoria integrativa

È stata approvata la graduatoria definitiva del bando integrativo per il 2018-2019 relativo alle borse di studio per gli iscritti all’Unimol. A beneficiarne, dopo che la Regione ha destinato due milioni del Por 2014-2020 all’avviso integrativo, saranno altri 149 studenti.
Si tratta della prima graduatoria integrativa al ‘classico’ bando e che porterà un maggior appeal per le iscrizioni all’Università del Molise tra gli studenti a livello nazionale. Dunque, maggiori opportunità per il diritto allo studio e maggiore appetibilità per l’Università.
Candido Paglione, presidente dell’Esu, commenta: «Una grande soddisfazione per aver vinto una scommessa complessa. Voglio innanzitutto ringraziare la Regione Molise per aver creduto in questo progetto, finanziandolo con i fondi del Por e permettendo cosi di aumentare la platea di beneficiari tra gli studenti iscritti all’Unimol. Di fatto abbiamo aumentato le opportunità per il diritto allo studio, dando un ritorno positivo d’immagine all’Università molisana. Il timore di innalzare i parametri di reddito (Isee e Ispe) in misura uguale alle grandi università italiane ha inciso in minima parte con la capacità di rimborsare gli studenti che risultano idonei in graduatoria, e questo ci farà lavorare con estrema tranquillità ai prossimi bandi. Sono certo che riusciremo a lavorare meglio in favore dei nostri studenti anche grazie alla disponibilità della Regione e dell’assessore Cotugno con il quale abbiamo già condiviso idee e progettualità per il prossimo futuro».
Il bando integrativo prevede una misura di 670mila euro per quest’anno e di 665mila euro per i prossimi due anni, per un totale di 2 milioni di euro nel triennio.
Vincenzo Cotugno, assessore regionale, evidenzia: «L’Università del Molise è e sarà sempre il fiore all’occhiello della nostra regione, offrire maggiori possibilità di intraprendere un percorso universitario a tutti gli studenti, anche a coloro con minori disponibilità economiche, non solo è un diritto assoluto ma un dovere che le istituzioni devono perseguire per ampliare a tutti il diritto allo studio. Bene ha fatto la Regione a destinare parte dei fondi europei per lo sviluppo regionale al mondo universitario e in particolar modo ai nostri giovani. Dare a tutti la possibilità di intraprendere la carriera universitaria significa gettare le basi affinché le nuove generazioni si formino adeguatamente in vista del loro ingresso nel mondo del lavoro, mantenendo al passo degli altri paesi europei la nostra nazione. L’Unimol è una grandissima risorsa per il Molise sono certo che la massima collaborazione con l’istituzione regionale possa portare quei benefici di cui il nostro territorio ha assoluta necessità per lo sviluppo sociale ed economico dell’intero Molise».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.