Menù

Isernia, edifici adeguati per tutti: genitori e amministratori si confrontano

Mancano due mesi all’inizio del nuovo anno scolastico e a Isernia l’amministrazione comunale continua a lavorare per garantire a tutti gli alunni sedi adeguate e sicure. Lo scorso inverno è stato messo a punto un piano di redistribuzione delle classi nei plessi di San Leucio e San Lazzaro e si continua a lavorare in quella direzione. Intanto, questa mattina, alle ore 10.30 una delegazione del comitato Giovanni XXIII sarà ricevuta a Palazzo San Francesco dal sindaco Giacomo d’Apollonio e dall’assessore all’Istruzione Sonia De Toma.
I genitori hanno infatti chiesto un confronto per fare il punto della situazione in vista della ripresa delle lezioni. «Nei vari incontri intercorsi negli ultimi mesi con l’amministrazione comunale – si legge nella nota -, il comitato si é fatto portavoce dell’ istanza di moltissimi genitori di riprendere in considerazione un procedimento avviato dalla precedente amministrazione, guidata dal sindaco Brasiello, che prevedeva grazie ad un bando Inail, l’acquisizione con un mutuo agevolato di un immobile in fase di ultimazione in località Le Piane, da tutti conosciuto a Isernia con il nome ‘La Barca’. L’ acquisto di quell’edificio, da destinare ad una delle scuole della città, avrebbe consentito di sistemare in modo definitivo ed ottimale una buona parte degli studenti in una struttura completamente antisismica e di dimensioni non inferiori ai 2.800 metri quadrati, risolvendo una volta per tutte i problemi collegati all’edilizia scolastica della nostra città».
Una proposta, riferiscono le mamme e i papà, bocciata in via definitiva dal primo cittadino nel corso dell’incontro che si è tenuto lo scorso 3 maggio. In quell’occasione il sindaco «aveva rassicurato il comitato – si legge ancora nella nota stampa – prospettando alcune possibili ed interessanti soluzioni sulla cui fattibilità ed opportunità si stavano svolgendo attività di verifica. Trattandosi però di soluzioni a medio-lungo termine, il comitato alla luce della situazione di emergenza in cui versano alcuni edifici scolastici, pur apprezzando lo sforzo e l’impegno dell’amministrazione, aveva suggerito di cercare soluzioni seppur non definitive, in grado di mettere in sicurezza la popolazione scolastica senza stravolgere l’equilibrio esistente ovvero evitando i trasferimenti annunciati dall’Amministrazione a febbraio. Dopo le chiusura delle iscrizioni al nuovo anno scolastico, alla luce delle mutate circostanze e della sensibile riduzione del numero di aule necessarie, il Comitato ritiene possibile ed auspicabile che nel nuovo polo scolastico di via Umbria trovino collocazione entrambe le scuole medie, bisognose di nuovi locali in quanto attualmente ubicate in edifici sismicamente vulnerabili.
La posizione del comitato, portata già a conoscenza del sindaco nell’ incontro del 3 maggio, si basa sulla necessità di trovare una soluzione congrua, ancorché provvisoria e giustificata dalla situazione di emergenza, lasciando i rimanenti plessi scolastici nelle attuali sedi e mantenendo così inalterato l’equilibrio esistente, ferma restando la necessità di reperire per l’anno scolastico 2018/19 nuovi locali per la Scuola dell’ infanzia San Giovanni Bosco, ad oggi ubicata nell’ area PIP di Miranda. Lo stesso Sindaco, al termine dell’incontro, aveva affermato di voler approfondire e di considerare questa una valida opzione. Avrebbe verificato la sua sostenibilità predisponendo i necessari sopralluoghi, al termine dei quali ci saremmo rivisti per conoscerne gli esiti. A distanza di quasi due mesi, l’incontro richiesto negli ultimi giorni ha come obiettivo di conoscere la reale situazione, ivi compreso lo stato dei lavori programmati dal Comune nell’ ex Centro Anziani che versa in precarie condizioni igienico sanitarie assolutamente inidonee ad ospitare i bambini della Scuola Primaria di San Leucio, e reperire le informazioni necessarie ad informare la cittadinanza su un tema di grande importanza, quello delle scuole, che negli ultimi mesi ha tenuto sulle spine gli studenti di Isernia e le loro famiglie. Considerato che ci troviamo ormai a quasi 2 mesi dall’inizio del nuovo anno scolastico riteniamo che sia doveroso definire la questione con le opportune soluzioni entro un brevisimo termine».
Questa mattina dunque il nuovo confronto in Municipio. Tra le proposte avanzate dal comitato c’è quella di trasferire le due scuole medie nel nuovo polo di San Leucio. Ipotesi che verrà sottoposta all’attenzione dei vertici di Palazzo San Francesco ma, che stando a quanto affermato negli ultimi mesi dagli amministratori, risulta essere di difficile attuazione. Il piano messo a punto prevede infatti che il plesso di San Leucio sia destinato all’isituto San Giovanni Bosco, mentre quello di San Lazzaro dovrebbe ospitare le scuole dell’Ic ‘Giovanni XXIII’.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.