Menù

Guglionesi, il prefetto ha detto no ai genitori

Guglionesi, il prefetto ha detto no ai genitori

Non ci saranno ulteriori rinvii a Guglionesi. E’ bastato solo ultimare il trasloco in vista della partenza fissata per domani nelle scuole di via Catania e piazza Indipendenza per mettere fine, almeno per il momento, alla querelle che ha visto contrapposti da un lato l’amministrazione Bellotti, la Provincia di Campobasso e la dirigenza dell’Omnicomprensivo e dall’altra decine e decine di genitori degli allievi del liceo Pedagogico, chiuso a causa dell’ordinanza di sgombero con cui il primo cittadino ha certificato l’inagibilità del plesso. E’ stato respinto, infatti, il ricorso presentato dalle famiglie attraverso l’avvocato Daniela Decaro per il trasferimento del liceo delle scienze umane e sociali. Come un effetto domino, superiori nella scuola media di via Catania e medie alle primarie di piazza Indipendenza. Gli ultimi controlli sono stati eseguiti tra giovedì e venerdì scorsi. Ispezioni e verifiche che hanno permesso di validare l’ipotesi del trasferimento del Pedagogico alle medie, anche in relazione all’ipotetico rischio legata all’area di crollo del Palazzo Vernucci di via Martiri d’Ungheria. Il prefetto ha pertanto respinto il ricorso sulla base delle relazioni del comando provinciale dei Vigili del fuoco, dello stesso Comune di Guglionesi con l’ufficio tecnico, dell’Arpa Molise, dell’Asrem e della direzione scolastica. Non solo, ma anche la Regione e la Provincia di sono espresse. Questo il dispositivo della prefettura: «rilevato che alla stregua delle risultanze emerse a seguito delle verifiche disposte, così come riportate nelle relazioni che si allegano al presente provvedimento, non emergono elementi idonei a giustificare la richiesta sospensione, né l’annullamento o la revoca del provvedimento impugnato, fermo restando l’adempimento da parte delle istituzioni competenti delle prescrizioni impartite dagli organi tecnici che hanno relazionato in merito». L’amministrazione Bellotti, proprietaria dello stabile di via Catania ha fatto realizzare una barriera di un metro e mezzo posizionata nel cortile dell’edificio scolastico e il sindaco Bellotti ha reso noto al prefetto Federico il rispetto di tutte le prescrizioni. Ai genitori non resta ora che la strada del Tar Molise, qualora volessero impugnare anche il diniego prefettizio.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.