Menù

Campobasso, ferita durante l’assalto al portavalori: condannato il vigilantes

Campobasso, ferita durante l’assalto al portavalori: condannato il vigilantes

Una mattina come tante altre. Maria Fracassi, 65enne di Campobasso, stava portando a spasso il suo cane come ogni giorno e mai avrebbe immaginato di trovarsi, di lì a poco, nel bel mezzo di un conflitto a fuoco. Era il 27 ottobre del 2014 quando, intorno alle 10, due malviventi a volto scoperto e con la pistola in pugno assaltano il portavalori della società Aquila, giunto in via XXIV Maggio per consegnare denaro alla filiale della Bnl. I banditi aspettano che il dipendente dell’Aquila si appresti ad entrare in banca con i soldi, 150mila euro, e lo sorprendono davanti all’ingresso della filiale.
Lo aggrediscono e gli portano via soldi e pistola. In quel momento l’altro vigilantes alla guida del portavalori scende dal mezzo per soccorrere il collega e tentare di fermare i banditi in fuga. Esplode due colpi dalla Beretta d’ordinanza, ma manca i malviventi. Viene invece colpita Maria Fracassi. Il proiettile ribalza e la ferisce alla spalla destra. Un episodio che ha segnato profondamente la signora, che oltre al ferimento all’arto superiore, soffre ancora oggi di crisi di ansia.
Venerdì scorso si è concluso il processo a carico del vigilantes che è stato condannato, con pena sospesa, dal giudice Roberta D’Onofrio per lesione gravi. L’uomo dovrà pagare una provvisionale di 4mila euro alla donna, difesa dall’avvocato Gaetano Caterina, in attesa del risarcimento che verrà fissato in sede civile.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.