Menù

Guardiaregia, donna anziana derubata dalla sua badante

Guardiaregia, donna anziana derubata dalla sua badante

I carabinieri della Compagnia di Bojano hanno denunciato una badante che sottraeva soldi dal conto corrente dell’anziana che assisteva. L’anziana che vive a Guardiaregia, con problemi di deambulazione, aveva la massima stima della donna che si era presa cura di lei e che aveva in casa, una badante 50enne residente nell’area matesina. Quest’ultima, approfittando della fiducia riposta in lei dalla vittima, con artifizi e raggiri si era impossessata della carta bancoposta dell’anziana signora con il relativo codice di sicurezza e, in più occasioni dagli inizi di maggio a fine settembre scorso, aveva effettuato diversi prelievi di 500 euro, asportando alla pensionata la somma complessiva di 5 mila euro. Prelievi che la badante andava a fare presso il bancoposta dell’Ufficio Postale di via Galilei a Bojano. L’anziana, che inizialmente non si era accorta di nulla, soltanto nei giorni scorsi si è resa conto che dai propri risparmi depositati sul conto corrente postale c’era un evidente ammanco di denaro con una serie di prelievi considerevoli che lei non aveva mai effettuato. A questo punto ha deciso di rivolgersi ai Carabinieri della Stazione del paese per fare luce su questo misterioso alleggerimento dei suoi risparmi, formalizzando una querela contro ignoti, anche se aveva cominciato a sospettare qualche comportamento anomalo della donna che l’assisteva.
Le immediate indagini da parte dei militari guardioli, hanno consentito di accertare che i prelievi venivano effettuati con cadenza settimanale presso lo sportello bancoposta di Bojano e quindi di un comune diverso da quello di residenza della pensionata proprio per non dare nell’occhio, per cui i successivi accertamenti anche attraverso le telecamere in dotazione presso l’Ufficio di via Galilei, hanno consentito di identificare l’autrice dei prelievi, che è appunto la 50enne badante che è stata così denunciata alle Autorità Giudiziarie. La donna dovrà rispondere dell’accusa di truffa aggravata.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.