Menù

Al Neuromed di Pozzilli lo studio sull’epilessia del lobo temporale e la degenerazione delle strutture nervose

Al Neuromed di Pozzilli lo studio sull’epilessia del lobo temporale e la degenerazione delle strutture nervose

La più comune forma di epilessia focale adulta è l’epilessia del lobo temporale che potrebbe causare, nelle forme più gravi, la degenerazione di alcune strutture nervose implicate nei processi di apprendimento e memoria. Questi sono i risultati di una ricerca condotta dall’Unità di Neurobiologia e dei Disturbi del movimento dell’Irccs Neuromed che ha individuato anche i meccanismi attraverso i quali si verificano i danni neuronali. La ricerca è stata condotta su modelli animali e riguarda una situazione sperimentale in cui la forma di epilessia è particolarmente grave e non controllata da terapie.
Lo studio si focalizza su un fenomeno su cui si dibatte da molti anni: la possibile associazione tra crisi epilettiche gravi e problemi cognitivi a lungo termine. Una questione estremamente complessa in cui è stato sempre difficile valutare il rapporto di causa-effetto che potrebbe esistere, in un ristretto gruppo di pazienti, tra declino cognitivo e epilessia.
La ricerca Neuromed ha impiegato una metodica particolare, grazie alla quale è stato possibile per la prima volta isolare specificamente gli effetti delle scariche epilettiche sulle strutture nervose. Si è quindi visto che le crisi particolarmente gravi e molto prolungate nel tempo (che vengono raggruppate sotto la definizione di “stato epilettico”) possono avere un effetto degenerativo sui neuroni colinergici dei nuclei del Prosencefalo Basale. Strettamente collegati con il sistema limbico, questi nuclei giocano un ruolo fondamentale nei processi legati alla memoria e alla coscienza, all’attenzione e all’orientamento di fronte a stimoli ambientali.
«Con i nostri esperimenti – dice Francesca Biagioni, prima autrice del lavoro scientifico – siamo stati in grado di isolare i danni neuronali esclusivamente dovuti allo stato epilettico che, ricordiamo, è una forma estremamente grave. E abbiamo potuto documentare la perdita di neuroni in strutture estremamente importanti del sistema nervoso centrale».
«Naturalmente – commenta Francesco Fornai, professore ordinario di Anatomia dell’Università di Pisa e responsabile dell’Unità di Neurobiologia e dei Disturbi del movimento del Neuromed – si tratta di una ricerca di base, e saranno necessari molti altri studi per capire se si potrà andare verso possibili ricadute cliniche. Stiamo parlando di modelli animali e le implicazioni per gli esseri umani sono ancora da studiare. Certamente la conoscenza più approfondita dei processi attraverso i quali si genera il danno neuronale ci apre la strada anche verso una maggiore comprensione dei meccanismi neuroprotettivi che possono entrare in gioco. In ogni caso il rischio di perdita neuronale sarebbe limitato a forme di epilessia resistenti alla terapia e che si prolungano per molte ore».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.