Menù

Campomarino, si presenta dalla fioriaia e la rapina con lo spray

Campomarino, si presenta dalla fioriaia e la rapina con lo spray

Torna ad avere ribalta sulla costa la micro-criminalità. Rapinato un negozio di piante e fiori a Campomarino. A renderlo noto il consigliere comunale di minoranza Luigi Romano, che da anni si batte per la sicurezza in paese. «Mercoledì (ieri, ndr), giornata di mercato in vari punti del paese, tante persone che circolano, vuoi che manchi un balordo rapinatore? Certo che no. Ieri mattina il negozio di fiori su via Favorita (frontalmente al mercato coperto), gestito dalla signora Lucia, donna forte e tosta, ma purtroppo caduta nel tranello di un balordo che probabilmente, con astuzia, in qualche modo deve averla stordita con qualche spray giusto il tempo per rubargli il borsello e fuggire. Per fortuna non è accaduto nulla di particolarmente grave, ma una volta recuperate le capacità mentali e capito l’accaduto, credo possiate immaginare lo spavento. Il balordo rapinatore ha trafugato un borsello contenente circa 250 euro e tutti i documenti della signora, costretta suo malgrado a dare l’allarme ai figlioli ed ai Carabinieri che raccolta la denuncia si sono subito attivati nelle ricerche del soggetto ben descritto dal figliolo che riporto da un suo post su Facebook: Buongiorno. Circa due ore fa in negozio mia madre è stata vittima di rapina. Lui sulla 40ina distinto e ben vestito. Distraendo la vittima usa spray. Occhio! “ Da ulteriori dettagli, il soggetto circola dove c’è confusione cercando di cambiare anche denaro. Attenzione anche voi signori commercianti ed a tanti anziani che vivono soli, possono diventare facili prede di un simile soggetto. Chiudo aggiungendo: Possibile che non possiamo utilizzare circa 60 telecamere installate sul territorio? Si spendono tanti soldi per cose meno importanti della sicurezza del territorio e dei propri cittadini. Siamo a fine mandato amministrativo, fate almeno una cosa buona per il paese».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.