Menù

Campobasso, tenta di strangolare la compagna in villa Flora: egiziano denunciato per lesioni

Campobasso, tenta di strangolare la compagna in villa Flora: egiziano denunciato per lesioni

Preso da un raptus improvviso ha tentato di strangolare una giovane donna per strada. L’aggressione, avvenuta nel pomeriggio di lunedì, ha visto protagonista una ragazza del posto e un uomo di origini egiziane. La scena agghiacciante non ha lasciato indifferenti i presenti che hanno allertato immediatamente il 113.
Fortunatamente, la costante presenza sul territorio delle volanti della Polizia di Stato ha reso tempestivo l’intervento; difatti, in meno di due minuti dalla segnalazione, gli agenti sono giunti sul posto dell’emergenza riuscendo a cogliere sul fatto il giovane extracomunitario che aveva ancora le mani al collo della giovane donna e non desisteva dal lasciarla nonostante la presenza di altre persone che assistevano all’accaduto.
Soltanto l’esibizione e la minaccia dell’uso dello spray “oleoresin capsicum” da parte degli agenti, in dotazione alle Forze dell’ Ordine impegnate nei servizi di controllo del territorio, ha fatto sì che il giovane “mollasse la presa”. Gli agenti sono riusciti dunque a bloccarlo e a mettere in sicurezza la donna ancora impaurita.
Riportata la calma, gli agenti hanno accompagnato presso gli Uffici della Squadra Volante i ragazzi, nonché alcune persone che avevano assistito al fatto, per una corretta ricostruzione dell’episodio.
Una volta giunti in via Tiberio è stato appurato che in realtà tra i due c’era da tempo una relazione sentimentale abbastanza animata e con la continua alternanza di momenti d’amore e momenti di conflitto spesso sfocianti in minacce e aggressioni ai danni della giovane donna.
Dopo l’intervento dei sanitari del 118, che hanno provveduto a refertare la ragazza per il trauma subito, la stessa, in un momento di calma, ha deciso di sporgere una dettagliata querela nei confronti del giovane egiziano che, dopo il fotosegnalamento e le formalità di rito, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni.
È stato inoltre avviato l’iter per la valutazione circa la sua presenza sul territorio italiano.
Dalla Questura è sempre raccomandato l’invito nei confronti delle donne a denunciare e segnalare situazioni di maltrattamenti da parte di compagni aggressivi al fine di scongiurare episodi più violenti come quello appena raccontato che si è risolto positivamente soltanto grazie al fatto che si sia verificato in una pubblica via dove comuni cittadini hanno segnalato tempestivamente alla Polizia al fine di un rapido e fattivo intervento.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.