Menù

Larino, violenza sulla 13enne: il 62enne va in carcere

Larino, violenza sulla 13enne: il 62enne va in carcere

A cinque anni e mezzo dai fatti, i Carabinieri della compagnia di Larino hanno arrestato il 62enne Antonio Genio, in esecuzione dell’ordine di carcerazione per violenza sessuale su una minore. Respinto, infatti, il ricorso dalla Corte di Cassazione, sulla condanna di primo grado confermata in appello del maggio 2018. L’uomo, condannato a 4 anni e 4 mesi di reclusione per il reato di violenza sessuale su una minore, commessa in Larino dal mese di marzo al mese di luglio del 2015, deve ora scontare la pena residua di anni tre e mesi quattro di reclusione perché la sentenza è divenuta definitiva l’11 gennaio di quest’anno. L’arrestato, rintracciato nella sua abitazione dai Carabinieri della stazione di Larino che avevano anche espletato le indagini nel 2015, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione della Magistratura. Gli atti assunti sono stati inviati alla Procura della Repubblica del citato Tribunale per gli adempimenti consequenziali a carico dell’ex autista del servizio urbano frentano processato per pedofilia ai danni di una 13enne. Ieri la sentenza dei giudici di secondo di grado del capoluogo. L’uomo, un 60enne, era stato riconosciuto colpevole dei reati a lui a ascritti e condannato alla pena di anni 4 e mesi 4 di reclusione, pena confermata in Appello, dunque. Era stato anche dichiarato interdetto in perpetuo da qualsiasi ufficio inerente la tutela, la curatela e da qualsiasi incarico nelle scuole, nonché da ogni ufficio o servizio pubblico in istituzioni pubbliche o private frequentate da minori. Infine, era stato anche interdetto per 5 anni dai pubblici uffici. La sentenza di primo grado era stata pronunciata il 4 aprile 2017 al termine del rito abbreviato dal giudice del Tribunale di Larino Veronica D’Agnone, a seguito di circa due ore di camera di consiglio. Il Pubblico Ministero che ha condotto le indagini e ha sostenuto le accuse in Giudizio è la dottoressa Ilaria Toncini, che aveva chiesto nell’udienza del 7 febbraio scorso sei anni di reclusione. Nella ricostruzione della Procura erano stati confermati rapporti sessuali con la13enne, l’ultimo dei quali nella notte tra il 3 e il 4 luglio del 2015. Una vicenda, quella che avvenne a Larino e che fu denunciata dopo che la giovanissima fu portata al pronto soccorso dell’ospedale San Timoteo di Termoli, che scosse non poco l’opinione pubblica in Basso Molise. Il 60enne venne arrestato tre settimane e mezzo dopo l’episodio, il 27 luglio 2015, quando i militari della stazione Carabinieri di Larino hanno dato esecuzione ad un’ordinanza impositiva della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell’indagato, emessa dal Gip del Tribunale di Larino. L’atto scaturì dalle indagini, effettuate dalla stessa stazione, che permise di sostenere che l’uomo aveva dato luogo, in più circostanze, ad atti sessuali con una ragazza minorenne sul conto della quale si mantiene il più stretto riserbo. Sei mesi più tardi ci fu l’incidente probatorio, che confermò le accuse a carico del molestatore. Il giudice del Tribunale dopo aver ascoltato a lungo la ragazzina interrogò anche il perito, nominato per verificare l’attendibilità della testimonianza della giovanissima, non ancora quattordicenne. La psicoterapeuta di Campobasso Falciglia confermò, a sua volta, l’attendibilità della vittima. L’11 maggio scorso ci fu la conferma in appello e l’11 gennaio è passata in giudicato.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.