Menù

Furto nel ristorante ad Isernia, ladro incastrato dalle telecamere

Ha un volto e un nome il ladro che nella notte del 4 febbraio è riuscito a entrare nel centro commerciale ‘Le Rampe’ per mettere a segno un furto nel ristorante ‘Al Netto’, inaugurato lo scorso mese di dicembre. Si tratta di un giovane di origini campane, attualmente senza fissa dimora, che è stato denunciato per furto aggravato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia. Nella notte tra domenica e lunedì il malvivente, dopo essersi assicurato che per strada non ci fosse nessuno così da poter agire indisturbato, ha forzato la porta d’ingresso dell’attività commerciale di via Sant’Ippolito, rompendo anche un vetro. È così riuscito a raggiungere il ristorante che si trova al primo piano del centro.
Una volta all’interno, ha aperto il registratore di cassa e ha prelevato una somma di oltre cento euro tra banconote e monete. Prima di fuggire ha anche preso degli snack sull’espositore, facendo poi perdere le proprie tracce nel buio della notte. Fortunatamente, però, il colpo è stato immortalato dal sistema di videosorveglianza installato all’interno del locale, oltre che dalle telecamere presenti all’esterno del centro commerciale.
I militari dell’Arma hanno allora cominciato le indagini e, dopo essersi fatti consegnare i filmati, si sono subito messi sulle tracce del ladro. Analizzando le immagini sono, dunque, riusciti a distinguere bene le mosse del giovane napoletano, dal momento dell’ingresso nel ristorante fino all’uscita dal centro commerciale, e lo hanno identificato, essendo una persona nota alle Forze dell’Ordine. I danni provocati dal malvivente per introdursi nella struttura, che superavano di gran lunga il bottino, sono già stati riparati il giorno successivo al colpo e fortunatamente il giovane aveva preso di mira un solo locale, risparmiando gli altri negozi, che hanno da subito ripreso a lavorare regolarmente.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.