Menù

Roccamandolfi, tra sconcerto e dolore la comunità dà l’addio a Pietro Ricciardone

Rabbia, sconcerto, dolore. Sono i sentimenti che in questo momento animano l’intera comunità di Roccamandolfi che si prepara a dare l’addio a Pietrangelo Ricciardone (per tutti Pietro) il 54enne morto tragicamente nel tardo pomeriggio di giovedì a causa di una caduta da cavallo. I funerali del consigliere comunale si terranno oggi pomeriggio alle 15 nella chiesa di San Giacomo Maggiore. E sempre per oggi il sindaco del paese Giacomo Lombardi ha proclamato il lutto cittadino.
Un dramma che ha sconvolto il piccolo paese, ancora sotto shock per quanto accaduto. Pietro amava la natura, era un cavaliere esperto e avrebbe potuto percorrere i sentieri del Matese anche bendato, in sella al suo cavallo. Approfittando del giorno di festa era uscito per una escursione con alcuni amici, con cui condivideva la passione per l’equitazione, e stava rientrando a Roccamandolfi.
La tragedia si è consumata in una manciata di secondi in località Macchialata. Stando a quanto ricostruito, l’uomo ha perso l’equilibrio, forse a causa di un malore. Si è sbilanciato verso sinistra precipitando in una scarpata di una decina di metri. Nel disperato tentativo di restare in sella, si è aggrappato al cavallo trascinandolo con sé nel dirupo, tra la fitta vegetazione.
Quando è caduto rovinosamente a terra, schiacciato da peso dell’animale, Pietrangelo Ricciardone ha battuto con violenza la testa, con ogni probabilità contro uno spuntone di roccia.
L’allarme è scattato immediatamente, lanciato dagli altri cavalieri che hanno assistito impotenti alla scena. Una telefonata al 118 e la macchina dei soccorsi si è messa subito in moto. Sul posto si sono precipitati gli operatori sanitari partiti dalla postazione di Bojano. Purtroppo al loro arrivo non hanno potuto far altro che constatare il decesso del 54enne: troppo gravi le ferite riportate nell’impatto.
Necessario anche l’intervento del magistrato e dei carabinieri della Stazione di Cantalupo Nel Sannio. I militari hanno avviato le indagini del caso dopo aver eseguito i rilievi previsti. Hanno poi ascoltato le testimonianze delle persone presenti per ricostruire l’esatta dinamica dell’episodio. Dagli elementi raccolti e dai riscontri compiuti non sono emerse responsabilità da parte di terzi. E, per questo, gli uomini dell’Arma hanno definito l’episodio una una tragica fatalità. Così, dopo la valutazione degli accertamenti eseguiti, il magistrato di turno ha disposto la restituzione della salma ai familiari, per la celebrazione del rito funebre. Pietrangelo Ricciardone, operaio presso uno stabilimento di Pozzilli, era stato candidato sindaco a Roccamandolfi a capo di una lista che sosteneva l’attuale amministrazione. Sposato e padre di tre figli, la seconda divenuta maggiorenne proprio l’altro ieri, Pietro era amatissimo in paese. Sempre pronto ad aiutare il prossimo. Sul luogo dell’incidente, l’altra sera si è radunato tutto il paese, sgomento per la tragica notizia.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.