Menù

Santini e sfottò, a Campobasso la campagna ‘parallela’ sbeffeggia la politica

Noi molisani sappiamo bene come distinguerci. Non solo a tavola o nel rispetto delle tradizioni. C’è un’altra cosa in cui sembriamo eccellere: prendere in giro la classe politica.
Ne è una prova schiacciante la sfilza di ‘sfottò’ pubblicati negli ultimi giorni in concomitanza le “affollatissime” elezioni amministrative del 26 maggio.
Promesse irrealizzabili, finti santini e slogan elettorali si sono rivelati anche geniali strumenti di marketing per molti commercianti del capoluogo, soprattutto per quelli impiegati nel settore della ristorazione.
Unico nel suo genere il titolare dell’antipasteria-braceria Cora d’zia, Michele Di Lisio, che ancora una volta ha messo in luce la sua vena comica e il suo spirito imprenditoriale utilizzando dei finti ‘santini’ elettorali, con tanto di logo del locale e la sua foto in bella vista, come coupon per i clienti validi nei giorni infrasettimanali da presentare per ottenere un buono sconto del 10% sui pasti.
«Stanchi del solito magna-magna? La politica vi ha ridotto all’osso? Vai da Cora d’zia dove la carne è una garanzia!» l’esilarante slogan che impazza anche sui social.
L’iniziativa ha ricevuto anche il plauso di un affezionato cliente vip, Enzo Iacchetti, con il quale il titolare ha stretto amicizia quando l’attore e presentatore storico del tg satirico “Striscia la Notizia” fece tappa a Campobasso durante uno dei suoi tour teatrali.
È lo stesso Di Lisio a pubblicare sui social lo screenshot della conversazione con Iacchetti che di fronte all’immagine del santino di Cora d’ zia risponde: «È stupendo, comico, intelligente!Bravi!!!Mi mancate, Enzo».
C’è poi chi, come spesso capita nella delicata fase di campagna elettorale, arriva a promettere la luna (o come in questi casi il mare) pur di vedere il proprio nome sul maggior numero possibile di schede elettorali: «Non sai chi votare? Stanco delle solite promesse elettorali non mantenute? Non mi sono candidato, ma potete scrivere lo stesso il mio nome sulla scheda. Punto ad essere il più votato!», scrive ironicamente il titolare di Pasky 2.0 Massimiliano Di Giglio che sul suo personale ‘santino’ aggiunge: «Non le solite promesse, votatemi e vi porterò il mare a Campobasso».

SL

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.