Menù

Omotransfobia, un film per dire no alla paura del “diverso”

Omotransfobia, un film per dire no alla paura del “diverso”

Oggi è un giorno importante per la comunità lgbt: ricorre, infatti, la giornata internazionale contro l’omotransfobia. Per l’occasione l’Arcigay Molise presenterà questo pomeriggio, alle ore 18, il film “La Diseducazione di Cameron Post”, evento di cineforum presso il Circolo letterario Beatnik in via Pietrunto a Campobasso. La data scelta non è casuale. Il 17 maggio 1990, infatti, è la data in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rimosso dalla lista delle malattie mentali l’omosessualità. Nel 2007 il 17 maggio viene riconosciuta come Giornata Internazionale contro l’Omofobia. La diseducazione di Cameron Post è un film basato sul best seller omonimo di Emily Danforth, che ha rivelato l’esistenza di queste realtà “educative” tollerate dalle autorità statunitensi, anche se al loro interno i diritti umani diventano “privilegi” da conquistarsi al prezzo della negazione della propria identità.
Cameron Post è una studentessa di liceo con un grande segreto: la cotta per l’amica Coley, della quale nessuno deve venire a conoscenza, poiché da quando i genitori della ragazza sono morti lei è cresciuta con la zia Ruth, assidua lettrice della Bibbia convinta che l’omosessualità sia una malattia. Quando dunque Cameron viene scoperta con Coley durante il ballo di fine anno, zia Ruth la spedisce dritta dritta al God’s Promise, un centro religioso di “diseducazione” all’omosessualità.
Un film dunque che aiuta a riflettere e a porre fine al concetto di odio verso la comunità lgbt.
Intanto sulla piattaforma buonacausa.org, prosegue con successo la raccolta fondi per finanziare la seconda edizione del Molise Pride in programma a Campobasso il prossimo 27 luglio. La cifra, infatti, ha toccato quasi la metà del budget necessario alla realizzazione della manifestazione.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.