Menù

Truffe agli anziani, in arrivo a Campobasso 28mila euro per tutelare le vittime

A Campobasso arriveranno 28.480 euro per iniziative di prevenzione e contrasto al fenomeno delle truffe agli anziani. Lo stanziamento è stato deciso ieri con un’apposita direttiva firmata dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. La somma è stata recuperata dal Fondo Unico Giustizia del ministero dell’Interno.
Le risorse saranno distribuite a tutti i capoluoghi di regione in base alla popolazione anziana residente alla data del 1° gennaio 2018, oltre ad una quota identica per tutti i Comuni, pari a 20 mila euro.
Per quasi 12mila over 65 campobassani il comune, entro il prossimo 30 maggio, potrà presentare progetti per accedere ai contributi. Gli obiettivi sono sostenere campagne di tipo informativo/divulgativo e formativo, introdurre misure di prossimità nonché interventi di supporto, anche psicologico, per scongiurare eventuali situazioni di rischio e consolidare uno stretto rapporto tra una fascia di popolazione sempre più numerosa ed i responsabili della sicurezza, incentivando comportamenti di autoprotezione in grado di ridurre episodi di vittimizzazione. La Prefettura e il Comune di Campobasso stipuleranno su questi progetti, che dovranno concludersi entro il 30 giugno 2020, uno specifico protocollo d’intesa.
«In Italia – le parole del ministro – i reati diminuiscono ma non vogliamo abbassare la guardia. Oltre a un piano di assunzioni straordinarie per 8mila donne e uomini delle Forze dell’Ordine intendiamo investire anche in prevenzione. Proprio per questo, sono particolarmente orgoglioso che il Viminale metta a disposizione risorse significative per contrastare le truffe agli anziani. I nostri nonni vanno aiutati in tutti i modi possibili: siamo al loro fianco».
«Com’è noto, i reati di truffa agli anziani sono in forte espansione anche in Molise – il commento del coordinatore regionale Lega Molise Luigi Mazzuto – però intanto si apre un altro capitolo sul fronte sicurezza».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.