Menù

Il viadotto Verrino sarà intitolato al senatore Remo Sammartino

Il viadotto “Verrino”, principale porta d’ingresso ad Agnone, sarà intitolato al compianto senatore Dc, Remo Sammartino. A distanza di 13 anni dalla sua scomparsa (14 giugno 2006, ndr), arriva il riconoscimento al politico agnonese che volle fortemente l’infrastruttura realizzata a cavallo degli anni ’70 e ’80 per togliere dall’isolamento le popolazione dell’Alto Molise. Più volte deputato e senatore del Parlamento italiano, Sammartino è stato sottosegretario ai Trasporti e all’Aviazione Civile nel primo governo di coalizione del 1968 e nel 1974 fu eletto presidente dell’VIII commissione legislativa del Senato (Lavori Pubblici e Trasporti). L’importante opera viaria all’epoca della progettazione fu pesantemente criticata dalla sinistra locale ed in particolare dal ‘Gruppo 38’ che non ne condivideva i benefici.
«Nacque tra una disinvolta gazzarra sessantottesca che andava gridando: qua ci vogliono le industrie, non i viadotti» scriveva Sammartino nel suo libro intitolato ‘Il Molise dalla ricostruzione allo sviluppo’ riferendosi a quanto accadeva all’epoca dei fatti. «Mai mi sono vergognato di essere del mio paese come allora, quando, percorrendo il Molise vedevo con gioia sorgere questo tipo di infrastrutture – alle quali io stesso avevo dato tutto quanto ogni eletto del popolo ha il dovere di dare – e dal mio paese arrivava l’eco della contestazione alla nascita di uguali strumenti di progresso. Il viadotto – prosegue Sammartino nel suo scritto – della lunghezza di poco più di un chilometro, assorbe ben otto chilometri di curve a stretto giro, in discesa e in salita. Alla fine tutti ne videro l’utilità e batterono le mano». Oggi lo stato di salute del ponte versa in condizioni pietose soprattutto per quanto concerne la pavimentazione dilaniata da buche e avvallamenti. A breve dovrebbe partire i nuovi lavori per un importo di circa 800 mila euro che garantiranno il rifacimento di giunti, tappetino di asfalto drenante e nuovi canali per la raccolta delle acque piovane. Oltre al viadotto “Verrino”, al senatore Sammartino va l’intuizione e il merito di aver saputo drenare le risorse necessarie per la realizzazione di un’altra infrastruttura vitale come quella del viadotto “Sente – Longo”, anello di congiunzione tra i centri dell’Alto Molise e del Vastese. Oggi quel segmento viario, opera ingegneristica di elevato spessore, nonché tra i più imponenti in Europa, è stato chiuso causa la torsione di un pilone. A riguardo, il governo centrale, dopo numerose pressioni, ha stanziato due milioni di euro che serviranno a sanare il problema. Tuttavia le nuove opere restano al palo tra l’indignazione generale alla quale si unirebbe quella del senatore agnonese al quale non resta che l’intitolazione del viadotto Verrino.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.