Menù

Di Maio in bilico, Greco si schiera: senza lui mi dimetto da capogruppo

Di Maio in bilico, Greco si schiera: senza lui mi dimetto da capogruppo

Fibrillazione. È questa l’atmosfera che pare regnare nel Movimento 5 Stelle. Sì, perché se in Molise l’impegno e la squadra è concentrata su Campobasso, unita su Roberto Gravina per vincere la partita del ballottaggio contro la D’Alessandro (centrodestra) e conquistare Palazzo San Giorgio, a Roma le cose non sembrano andare lisce come l’olio. Almeno questa è l’impressione dopo le europee. In Molise il Movimento è il primo partito. In Italia è terzo, al 17%. Un risultato, inaspettato, che ha scosso i vertici del M5S tanto che il vicepremier Luigi Di Maio, proprio ieri, ha rimesso agli iscritti, alla base, ogni decisione sulla sua leadership lasciando a loro l’ultima parola con il voto sulla piattaforma Rousseau.
Resta abbottonato il deputato Antonio Federico. Non dice nulla e nulla è dato sapere sul suo voto. Di certo si sa solo che ieri ha partecipato all’assemblea congiunta dei gruppi di Camera e Senato. All’ordine del giorno il ruolo del capo politico Di Maio.
Scopre le carte, ma non troppo, il senatore Luigi Di Marzio. Non dice se voterà sì o no, ma di sicuro per l’onorevole «il problema non è di una persona, ma di creare una nuova strategia per realizzare il sogno che abbiamo in mente per questo Paese». Le sue sono parole chiare: «quello che è successo ha messo in discussione la realizzazione di questo sogno. Per questo, ritengo opportuno e necessario verificare le strategie che non hanno funzionato». D’altra parte Di Marzio è medico e, conclude: «Parafrasando il mio mestiere, prima di reinventare una terapia è necessario stabilire una diagnosi».
Esce allo scoperto, invece, il consigliere Andrea Greco. Su facebook scrive accusando i detrattori del ministro: «Se Luigi (Di Maio, ndr) per qualche assurdo motivo non dovesse essere più il nostro capo politico io rassegnerei immediatamente le dimissioni da capogruppo in Regione Molise».
A prescindere dal risultato, oggi, sarà una giornata importante per il Movimento. Chissà che non si apra una nuova fase.

ppm

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.