Menù

Campobasso, dà di matto in questura e mette a soqquadro gli uffici: denunciato

Campobasso, dà di matto in questura e mette a soqquadro gli uffici: denunciato

Caos ieri pomeriggio negli uffici della Questura di via Tiberio. A creare il panico un nigeriano di 25 anni, non nuovo a questi episodi. Il giovane si è recato nell’ufficio immigrazione per chiedere alcune informazione, ma a quell’ora lo sportello era chiuso. Si è rivolto così ad altri agenti chiedendo prima di voler tornare nel suo Paese d’origine, poi chiedendo insistentemente un posto di lavoro. Il giovane, precedentemente ospite di un Cas di Campobasso, nell’ultimo periodo ha perso lo status di richiedente asilo e dunque è uscito dal sistema di accoglienza. È stato così ospitato per un breve periodo alla Casa degli angeli ma anche nella struttura di via Monte San Gabriele ha creato qualche problema, tanto che gli operatori della Caritas sono stati costretti a segnalare il caso in diverse occasioni alla Polizia.
Ieri pomeriggio stesso copione: in Questura ha dato in escandescenze aggredendo verbalmente gli agenti e mettendo a soqquadro gli uffici. Ci sono voluti diversi agenti della Volante per bloccare il giovane, molto alto e robusto, prima dell’intervento dell’ambulanza del 118. I sanitari lo hanno sedato e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli, insieme agli uomini della Volante che hanno seguito il tragitto dell’ambulanza e il ricovero in reparto per monitorare la situazione.
Ma anche nel presidio di contrada Tappino il nigeriano ha continuare a dare di matto, tanto che alcuni cittadini in sala d’attesa sono stati invitati ad allontanarsi. Il giovane, una volta riportato alla calma, è rimasto in pronto soccorso per alcune ore, piantonato dalla Polizia. Anche alcuni agenti sono dovuti ricorrere alle cure dei medici, rimasti lievemente feriti nel tentativo di bloccare il migrante in questura.
Per il 25enne è scattata la denuncia per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.