Menù

Campobasso, parco di via Alfieri come una giungla selvaggia: residenti esasperati

La situazione è ormai al limite. Il parchetto di via Alfieri nel quartiere Vazzieri di Campobasso, che un tempo avrebbe dovuto rappresentare un ‘luogo di ritrovo’ per gli abitanti della zona, si è trasformato ormai in un vero e proprio immondezzaio a cielo aperto, una giungla selvaggia che versa in un totale stato di abbandono e noncuranza: cartacce, frammenti di bottiglie e immondizia di ogni tipo hanno ormai riempito fino all’orlo l’unico secchio disponibile nell’area verde, mai svuotato da chicchessia nell’ultimo anno, tant’è che ormai il contenitore ha letteralmente ceduto rigettando a terra ogni sorta di rifiuto, comprese decine di deiezioni canine, anche se chiuse nelle apposite buste di plastica dai proprietari dei cani. Il campo da bocce, poi, realizzato per permettere agli anziani del quartiere di trascorrere qualche ora in compagnia all’aria aperta, versa ormai nell’abbandono più totale. All’interno della villetta sono presenti, inoltre, scivoli e altalene per i più piccoli, anche quelli tristemente lasciati a marcire. L’erba, che ormai ha raggiunto altezze record, ha perfino occultato le stesse giostrine, appena visibili ad occhio nudo. L’area, di proprietà comunale, ha visto negli anni pochissimi interventi di manutenzione, perlopiù posti in essere da volontari e associazioni ambientaliste. Ora i residenti, stanchi di ritrovarsi di fronte ad uno scempio simile, chiedono a gran voce un intervento mirato da parte della nuova amministrazione e dall’assessore al ramo, Simone Cretella, noto per le sue battaglie ambientaliste in merito alla tutela e alla manutenzione del verde pubblico. Una situazione, quella del parco di via Alfieri, comune anche alle altre aree verdi del quartiere, soprattutto quelle di viale Manzoni e via Leopardi. Anche lì la presenza di incivili e l’abbandono da parte delle istituzioni preposte negli ultimi anni hanno sollevato malumori tra i residenti che sperano ora in un cambiamento radicale nella gestione delle aree pubbliche in quello che una volta era considerato uno dei quartieri più belli e curati della città.

SL

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.