Menù

Punto nascita chiuso, ecco i servizi assicurati al San Timoteo

Punto nascita chiuso, ecco i servizi assicurati al San Timoteo

Chiuso il punto nascita, al San Timoteo restano attivi i reparti di Ginecologia e Pediatria (nella foto in home il responsabile Bernardino Molinari con il personale). L’Asrem ha convocato la stampa giovedì pomeriggio principalmente per informare l’utenza dopo l’ufficializzazione di un provvedimento che – come era fisiologico aspettarsi – ha avuto un forte impatto sulla popolazione, non fosse altro che mediatico anche perché arriva in piena stagione estiva sulla costa.

A Termoli restano quindi garantiti, hanno ribadito i vertici dell’azienda sanitaria insieme ai commissari, tutti i servizi pre e post nascita, l’assistenza ginecologica alle mamme e pediatrica ai più piccoli. Quella pediatrica con qualche affanno in più, visto che in servizio vi sono solo tre specialisti e non è stato possibile rinnovare l’incarico allo specialista di libera scelta in seguito al no arrivato dal tavolo tecnico.

L’attività del punto nascita è stata sospesa perché sotto standard: troppo sotto standard e da tempo il Comitato percorso nascita nazionale ne aveva chiesto alla Regione la chiusura.

Servono almeno 500 parti all’anno, a Termoli sono nati – nel 2018 – 353 bimbi. La tendenza per il 2019 è (era) di 300. Inoltre, la carenza di medici – nonostante i concorsi banditi – ha assunto, al San Timoteo,  «dimensioni di criticità tali da non consentire di continuare ad assicurare il  rispetto anche  degli altri  irrinunciabili e prioritari standard operativi e di sicurezza relativi all’assistenza ostetrica e pediatrico/neonatologica, definiti dall’accordo Stato-Regioni del 16 dicembre 2010. Partorire in condizioni in cui i requisiti essenziali non ci sono – evidenziano dall’Asrem – rappresenta un rischio per le donne ed i bambini e di questo la popolazione deve prendere coscienza».

Dal 1 luglio è quindi sospesa l’assistenza al parto in regime di ricovero presso l’unità di Ostetricia e Ginecologia. A Termoli, però, è già operativo il percorso di accompagnamento alla  nascita, per il quale è stato disposto il potenziamento delle funzioni ambulatoriali di visita, ecografia e diagnostica pre-natale, monitoraggio pre-parto e controlli  post partum.

Inoltre al San Timoteo continueranno ad essere garantite presso il Pronto soccorso  24 ore su 24  le consulenze urgenti da parte di ginecologi e ostetriche che, sulla base della situazione clinica, assicureranno il  trasferimento assistito verso il punto nascita appropriato nell’ambito della rete  aziendale integrata materno-infantile.

Rimarrà attiva e completamente operativa la Pediatria per assicurare h24 le consulenze urgenti presso il Pronto soccorso nonché l’assistenza in regime di ricovero ai pazienti in età pediatrica.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.