Menù

Venafro, il questore chiude il bar ritrovo di pregiudicati e persone pericolose: licenza sospesa per tre giorni

Licenza sospesa per tre giorni e bar chiuso fino a domenica. Accade a Venafro in via Colonia Giulia, dove il titolare dell’attività è stato costretto ad abbassare la serranda su ordine del questore di Isernia. Roberto Pellicone ha agìto nell’ambito delle attività preventive finalizzate al controllo degli avventori di pubblici esercizi, ed ai sensi dell’articolo 100 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza ha disposto la sospensione della licenza rilasciata dal Comune «in quanto luogo di abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini».
In particolare, l’adozione del provvedimento è stato il frutto di una serie di controlli effettuati a partire dal mese di agosto dello scorso anno da personale della Squadra Volante della Questura di Isernia, congiuntamente a personale dei reparti Prevenzione crimine “Abruzzo” e “Basilicata”, in occasione dei quali «veniva riscontrata la presenza di numerose persone con pregiudizi di Polizia per reati contro il patrimonio, contro la persona, contro la Pubblica amministrazione, per violazione della legge in materia di stupefacenti e sostanze psicotrope, nonché destinatarie delle misure di prevenzione dell’”avviso orale” e del Daspo nonché e della misura cautelare del divieto di dimora».
Come spiegato dalla Questura di Isernia che ha emanato il provvedimento – il primo nella città di Venafro – «la sospensione della licenza risponde al duplice obiettivo di privare i pregiudicati di un abituale punto di aggregazione e, nel contempo, manifestare l’attenzione da parte dell’autorità locale di Pubblica sicurezza verso le problematiche di ordine e sicurezza che possono essere legate ad attività oggetto di licenza».
Intanto l’attività della Polizia di Stato di Isernia proseguirà con l’obiettivo di seguire attentamente sul territorio provinciale le problematiche di ordine e sicurezza dei cittadini a tutela dell’ordine pubblico.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.