Menù

Meno abitanti e sempre più disoccupati, il Molise è a rischio

Meno abitanti e sempre più disoccupati, il Molise è a rischio

Ancora dati allarmanti per il Molise. I segnali negativi non riguardano solo lo spopolamento. A diffondere gli indici il rapporto dell’Ufficio Studi di Confcommercio che analizza i cambiamenti dell’economia delle regioni italiane negli ultimi dieci anni e l’evoluzione dei divari territoriali.
Se dal 2008 al 2018 sono stati persi circa 10mila abitanti, il saldo è in negativo anche per gli occupati: 113mila dieci anni fa; 107mila nel 2018. Un totale di 6mila unità in meno. A crescere c’è poi il tasso di disoccupazione: da 9.1 a 13. La cifra record appartiene ai giovani tra i 15 e i 24 anni: tra loro quelli che non lavorano sono il 40.3. Nel 2008, in contemporanea con la crisi economica, erano il 28.8. A pagare lo scotto maggiore è la provincia di Isernia dove gli occupati sono circa 28mila, mentre il tasso di disoccupazione è al 17.6 con quella giovanile che vola a 57.7. Meglio non va per la provincia di Campobasso dove gli occupati sono 79mila e il tasso di disoccupazione è all’11.2, con quella giovanile che si attesta a 34.5.
Ma rispetto a tutto il Sud il Molise non è proprio all’ultimo scalino. Nel Mezzogiorno, infatti, la disoccupazione è al 18.4 con un tasso di quella giovanile pari al 48.4. Occupati in calo in tutto il Sud che segna, rispetto a 10 anni fa, la perdita di 260 mila unità.
E per quei 107 mila che lavorano in Molise, nel 69.9 percento sono impiegati nel settore dei servizi – in cui il rapporto include anche i dipendenti della Pubblica amministrazione –, il 24.5 percento nell’industria e il 5.7 percento nell’agricoltura.
Ad essere fotografate nel rapporto diffuso ieri dall’Ufficio studi della Confcommercio anche le tipologie di impresa. Nel Molise in totale ne esistono 35.599, di cui la maggior parte nel settore agricolo (10.108) seguite dalle attività commerciali (7.633) e industria (6.811). Queste sono 26.316 nella provincia di Campobasso e 9.283 in quella di Isernia.
Tuttavia perdite ci sono anche in questo settore. Se il saldo tra il numero di imprese iscritte e delle cessazioni di imprese registrate presso le Camere di commercio in Molise è pari a 201 a chiudere i battenti nel 2018 sono state ben 362 imprese: 95 appartenenti al settore dell’agricoltura, 88 in quello dell’industria e ben 179 al commercio (di queste 66 rientrano nei servizi di alloggio e ristorazione).
Numeri non rassicuranti. Numeri su cui occorre iniziare a riflettere se si vuole continuare a credere e sperare nell’esistenza di questa regione.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.